* INFORM *

INFORM - N. 37 - 23 febbraio 2002

CEDIEM -Il barometro delle preoccupazioni degli svizzeri nel 2001 punta sull’attualità

LUGANO - Sempre interessante il sondaggio del Credit Suisse sulle preoccupazioni degli svizzeri: un punto di riferimento per lo studio della situazione nazionale (o internazionale) così come la vede e la vive la gente.

Per il 2001 - rileva il CEDIEM, (Centro Documentazione e informazione emigrazione di Lugano) - l’ago del barometro segna decisamente l’attualità. A livello interno tre le preoccupazioni emergenti: la salute è la preoccupazione numero uno per il 64 % degli interpellati (e registra fedelmente la costante impennata delle casse malati), la disoccupazione preoccupa il 45 % degli intervistati (contro il 34 % dell’anno precedente) e la nuova povertà (conseguenza logica delle due precedenti preoccupazioni). A livello internazionale - con immancabili ripercussioni all’interno – estremismo / terrorismo e globalizzazione sono le preoccupazioni principali: il primo preoccupa il 27 % degli svizzeri (era l’ 1 % nel 2000) e la seconda dall’ 11 % è passato al 24 %.

Per quanto concerne il fenomeno della multietnicità e del multiculturalismo - problema sempre in prima pagina in Svizzera - il barometro del sondaggio sembra segnare al bello.

Infatti le componenti del fenomeno - rifugiati, inforestieramento, criminalità e sicurezza nazionale, razzismo e xenofobia - sono state ridimensionate o rimaste stabili: e chi si occupa di fenomeni emigratori ne può essere anche soddisfatto. In concreto i rifugiati preoccupano il 32 % degli interpellati (contro il 41 % del 2000), l’inforestieramento il 22 % (contro il 23 % precedente), la criminalità - spesso attribuita in maniera massiccia agli stranieri - preoccupa il 14 % degli svizzeri (era il 15 % un anno prima) e sono preoccupati del razzismo / xenofobia solo 10 interpellati su cento ( nel 2000 erano 15).

Quanto hanno influito sulle preoccupazioni degli svizzeri le situazioni che hanno sconvolto il mondo con peso anche sull’economia da una parte e dall’altra una certa politica nazionale tendente all’integrazione: - conclude il CEDIEM - sono verifiche che andranno fatte con ulteriori elementi e tempo a disposizione. (Inform)


Vai a: