* INFORM *

INFORM - N. 26 - 6 febbraio 2002

Galà 2002 dei "Siciliani di Roma"

ROMA - I siciliani residenti a Roma si sono dati appuntamento a Palazzo Barberini per il "Gala degli auguri 2002", incontro organizzato dall'associazione "Siciliani di Roma", sezione di "Sicilia Mondo" che conta 126 associazioni di siciliani nei 5 continenti. Ha fatto gli onori di casa Pippo Baudo, presidente del sodalizio romano. La manifestazione aperta dal segretario generale dell'associazione Alfio Spadaro, è proseguita sotto la regia di un Superpippo in gran forma.

Mimmo Azzia, presidente di Sicilia Mondo, ha ricordato che la sicilianità è una cultura di valori che oltre 10 milioni siciliani negli ultimi 150 anni hanno trapiantato il tutto il mondo. Raffaele Stancanelli, assessore all'Emigrazione della Regione Siciliana, ha assicurato tutto il suo impegno per la valorizzazione della sicilianità nel mondo ed ha espresso un pensiero di solidarietà nei confronti dei siciliani di Argentina. Lorenzo del Boca, presidente dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, ed Antonio Pelayo, presidente della stampa estera, hanno sottolineato l’importanza della stampa e dell'informazione come legame con le comunità italiane nel mondo. Gli europarlamentari Umberto Scapagnini e Raffaele Lombardo, rispettivamente sindaco e vice sindaco di Catania, hanno parlato delle prospettive di sviluppo della città etnea e del suo hinterland. Carlo Bucci, amministratore delegato della società Ponte di Messina, ha assicurato i presenti che il ponte non è più un’utopia ma è già entrato nella fase dei progetti esecutivi non più rinviabili. Salvatore Cuffaro, presidente della Regione Siciliana, ha rivendicato l’immagine di una Sicilia che sa costruirsi un futuro e va conosciuta per quella che è nella sua realtà.

Il presidente Cuffaro e il presidente dei giornalisti Lorenzo Del Boca hanno commemorato e consegnato all’inviato del Corriere della Sera una quadro in olio del maestro Emanuele Pandolfi, dedicato a Maria Grazia Cutuli. Brevi parole di ricordo della giornalista siciliana tragicamente scomparsa in Afghanistan sono state pronunciate anche da Salvo Andò, già ministro della Difesa. La manifestazione si è chiusa con la sfilata di creazioni dello stilista catanese Angelo Vitti. (Inform)


Vai a: