* INFORM *

INFORM - N. 25 - 5 febbraio 2002

Due interrogazioni di AN al Parlamento europeo: Carta di soggiorno e cittadini italiani con pensione belga

BRUXELLES - La delegazione di AN al Parlamento europeo ha presentato il 4 febbraio due interrogazioni alla Commissione. Le interrogazioni riguardano la Carta di soggiorno ed il trattamento pensionistico dei cittadini italiani in Belgio. Questi i testi.

Carta di soggiorno

Nonostante il tanto celebrato articolo del trattato di Maastricht che prevede l’istituzione della cittadinanza europea, e nonostante il tanto decantato avvio della moneta unica, i cittadini italiani in Europa e in particolare in Belgio sopportano situazioni di mera discriminazione. La legislazione belga, come quella di tanti Paesi dell’Unione (Germania, Olanda, ecc…) non consente il rilascio di un documento d’identità nazionale ma prevede ancora la sola carta di soggiorno come documento valido di identità per tutti i cittadini italiani residenti in Belgio e in Europa.

Si chiede alla Commissione:- di annullare l’obbligo della carta di soggiorno per i cittadini italiani in Belgio e in tutti i Paesi dell'Unione; - di intervenire presso le autorità di tutti i Paesi dell’Unione per consentire il rilascio di un documento nazionale per un cittadino di un Paese membro e che tale documento possa essere riconosciuto valido in tutto il territorio dell’Unione; - di attuare con misure pratiche il tanto decantato principio di cittadinanza dell'Unione. (Inform)

Cittadini italiani con pensione belga

I cittadini italiani che hanno prestato servizio in Belgio e sono rientrati in Italia con una pensione di invalidità e/o di anzianità attribuita loro dalle autorità belga, sono costretti a sopportare lunghe attese e a sottoporsi ad una lunga trafila per riscuotere il loro assegno. La banca belga incaricata del pagamento, invia infatti, un bonifico bancario alle poste centrali italiane a Roma.

Da Roma poi partono gli assegni postali indirizzati alle varie località della Penisola causando un notevole ritardo nel pagamento ed aggiungendo il pericolo di rapina per gli anziani costretti a recarsi a riscuotere nei vari uffici postali.

Si chiede alla Commissione di equiparare la situazione dei pensionati italiani a quella dei pensionati provenienti da Portogallo, Francia, Olanda, Germania, Lussemburgo e perfino Marocco consentendo loro di ricevere direttamente dalla banca belga il loro bonifico; - di intervenire senza indugio per permettere eguaglianza di trattamento a tutti i pensionati europei, evitando ogni discriminazione nei confronti dei cittadini italiani. (Inform)


Vai a: