* INFORM *

INFORM - N. 16 - 23 gennaio 2002

Il presidente Dellai incontra il vice sindaco di Gerusalemme Shetreet

A Trento nel 2003 la Conferenza internazionale della Pace?

TRENTO - La conoscenza come deterrente contro il pericolo di ripetere gli errori della Storia. Un messaggio tanto semplice quanto attuale, quello lanciato il 23 gennaio dal vice sindaco di Gerusalemme, Shimon Shetreet – che è stato anche ministro del Governo Rabin – incontrando il presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai. Shetreet ha tra l’altro proposto da Dellai di organizzare a Trento, nel 2003, la Conferenza internazionale sulla Pace. Proposta vista più che positivamente dal presidente, che ha parlato del "laboratorio di convivenza" del Trentino. Dellai ha ribadito anche l’importanza di valorizzare la convivenza, dedicando attenzione anche agli studi portati avanti nel Trentino

Un incontro che ha dunque fatto da ideale prologo all’importante evento del giorno 24 al Castello del Buonconsiglio di Trento: la firma del protocollo di intesa fra la Provincia Autonoma e la Comunità ebraica di Merano per la restituzione della collezione di porcellane che furono sequestrate nel 1939 al proprietario ebreo, Julius Kaumheimer, allora residente a Merano, mentre espatriava verso l’America. Una cerimonia altamente simbolica, che vedrà la presenza illustre, fra gli altri, del vicepresidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane, Giacomo Saban.

Il vice sindaco di Gerusalemme è apparso molto interessato alla realtà trentina, in particolare alla sua fisionomia istituzionale e alla speciale autonomia. Ha poi parlato di giornata molto importante, riferendosi alle celebrazioni della Giornata della Mrmoria, soprattutto pensando al suo incontro con gli studenti e i giovani trentini, assieme all’onorevole Tina Anselmi, presidente della speciale Commissione di inchiesta governativa costituita proprio per indagare sulle spoliazioni dei beni agli ebrei per effetto delle leggi razziali. E in effetti, proprio a loro, ai giovani – come ha tenuto a ribadire anche il presidente della Provincia Lorenzo Dellai – è dedicata la Giornata della Memoria, perché abbiano modo di conoscere, di capire, di riflettere. (d.f.-Inform)


Vai a: