* INFORM *

INFORM - N. 15 - 22 gennaio 2002

Tragedia di Marcinelle: deceduto il 12 gennaio Redento Novelli, uno dei soccorritori dei minatori. Il messaggio di cordoglio del Ministro Tremaglia

ROMA - "Con Lui se ne va un vero italiano, un eroe, che tanto onore ha fatto alla sua Patria". Grande commozione ha suscitato nella comunità italiana in Belgio la notizia della morte di Redento Novelli, uno degli ultimi superstiti della squadra impegnata, nella tragica mattina dell’8 agosto 1956, a portare soccorso alle centinaia di minatori rimaste imprigionate nella miniera di Marcinelle.

La notizia ha profondamente commosso il Ministro per gli Italiani nel mondo, Mirko Tremaglia, che aveva incontrato Redento Novelli lo scorso 8 agosto, in occasione della commemorazione dei 136 minatori italiani morti nella tragedia.

Il Ministro ha voluto inviare un messaggio di cordoglio letto, durante una cerimonia, dal Console generale d’Italia a Charleroi, Gerardo Girardo Crocidi. Tremaglia ha ricordato "la forte fibra di friulano di Redento Novelli, minata nel generoso prodigarsi nelle gallerie infuocate nel tentativo di salvare qualche vita, e poi nella pietosa opera di recupero dei corpi degli sventurati colleghi. Ammirevole nella Sua forza d’animo - ha aggiunto -, ricordo ancora la Sua stretta di mano sul palco di Charleroi quando uscì dall’ospedale per presenziare alla toccante cerimonia organizzata dal mio Ministero per onorare la memoria di tutti i Caduti.

"La prego, Signor Console, di far pervenire ai parenti ed agli amici del caro Redento la mia sentita partecipazione al loro dolore. Con Lui se ne va un vero italiano, un eroe, che tanto onore ha fatto alla sua Patria lontana, esempio di coraggio, di generosità, di semplicità. Un grande uomo che non sarà dimenticato. La mia tristezza – ha continuato Tremaglia - è ancor più grande perché non sono riuscito a fargli arrivare in tempo, per motivi burocratici, le insegne di commendatore all’Ordine del Merito della Repubblica, nomina decretata dal Governo Italiano su mia proposta. Tale onorificenza sarà consegnata alla Sua famiglia, ma in questo solenne momento, con un forte abbraccio, desidero idealmente conferirgli". (Inform)


Vai a: