* INFORM *

INFORM - N. 13 - 18 gennaio 2002

Rientri dall’Argentina - Firmata la convenzione per l'inserimento lavorativo di 204 emigrati origine veneta

VENEZIA - E’ stata affidata a Veneto Lavoro, ente strumentale della Regione Veneto, la realizzazione dell’iniziativa, promossa d’intesa tra Regione e Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per il rientro in Veneto dall’Argentina di emigrati italiani e veneti in particolare o di loro discendenti, per favorire il loro stabile inserimento lavorativo, sociale ed economico nel territorio regionale.

L’iniziativa si chiama "Progetto Rientro": è la prima nel suo genere in Italia e, nello specifico, riguarda il ritorno, la formazione e l’inserimento socio-lavorativo di 204 emigrati veneti dall’Argentina che verranno inseriti a tempo indeterminato, come operai specializzati, presso le aziende del gruppo Elettrolux-Zanussi negli stabilimenti del Nordest. Una convenzione in tal senso, infatti, è stata sottoscritta il 18 gennnaio a Palazzo Balbi, sede della Giunta veneta, alla presenza dell’Assessore regionale ai flussi migratori Raffaele Zanon, del rappresentante del Ministero del Welfare Maurizio Silveri, del rappresentante di Electrolux-Zanussi Maurizio Castro, del direttore di Veneto Lavoro Sergio Rosato. Il provvedimento rientra in quanto previsto e disposto dal Piano triennale per l’immigrazione 2001-2003, approvato dal consiglio regionale nel giugno 2001.

"Si tratta di un segnale forte, di un atto di coraggio – ha sostenuto Zanon – che mostra come le Regioni possano dare risposte e governare i fenomeni dell’immigrazione e dell’emigrazione. Ma possono dare risposte anche al mondo imprenditoriale gravato, non dimentichiamolo, da una carenza di manodopera che in alcune fasce è ormai endemica. Quest’iniziativa, pertanto, – ha proseguito - rappresenta una ‘vetrina’ dimostrativa di come sia concretamente possibile reperire manodopera tra gli ex-emigrati italiani e veneti in particolare o loro discendenti che aspirano a rientrare in Veneto o in Italia per ragioni economiche accompagnate da motivazioni affettive. Il progetto di rientro – ha aggiunto l’esponente veneto – è l’unico nel suo genere in Italia, è rivolto a persone che hanno la cittadinanza italiana in quanto di discendenza veneta o italiana e durerà per il biennio 2002-2003".

Le principali fasi di rientro del "Progetto Rientro" consistono: nell’individuazione e selezione dei partecipanti, in un corso di base da tenersi in Argentina; nella formazione tecnica in azienda (a cura dell’Electrolux) e secondo le figure professionali richieste vale a dire saldatori, operatori polivalenti, tecnici di laboratorio, ecc.) una volta arrivati nel Veneto, nel successivo inserimento lavorativo. Si ritiene che i primi inserimenti lavorativi potranno esserci a partire dal prossimo maggio. La selezione dei candidati al rientro andrà fatta su alcuni criteri specifici tra cui il possesso di un diploma tecnico, una buona conoscenza della lingua, età possibilmente compresa tra i 19 e i 35 anni, esperienze lavorative in linea con il lavoro da svolgere. Il finanziamento

per il "Progetto-Rientro" è di 3 miliardi lire (pari a oltre 1,5 milioni di euro) derivanti da risorse regionali e nazionali previste dall’accordo di programma sottoscritto nel giugno 2001 tra la Regione Veneto e il Ministero per il Welfare.

Il rappresentante del Ministero per il Welfare, Silveri, ha definito l’iniziativa del "Progetto-Rientro" "lungimirante, equilibrata e rapida"; il direttore di Veneto Lavoro, Rosato, ha fatto presente che il sostegno finanziario più importante andrà a sostenere il costo del viaggio e dell’alloggio e che il progetto avrà una fase di monitoraggio non solo sull’esito dell’inserimento lavorativo ma anche sociale dei veneto-argentini. Infine, Maurizio Castro, del gruppo Electrolux Zanussi, ha espresso "compiacimento per la realizzazione di un’alleanza molto significativa tra soggetti pubblici e privati, molto "europea" nella scelta di collaborare su progetti specifici, ed esempio di come le politiche sull’immigrazione possano essere non convenzionali". (Inform)


Vai a: