* INFORM *

INFORM - N. 248 - 31 dicembre 2001

Lettera di Capodanno di Vito D'Adamo a Gustavo Velis, Argentina: "Servono persone oneste"

FRIBURGO/BR. - "Caro Velis, innanzitutto, fervidi auguri per un fausto 2002: che il Nuovo Anno arrechi pace, sicurezza, giustizia e benessere, portati di una svolta decisiva e di una rapida ripresa in tutti i campi dell'Argentina, grande Nazione, Paese amico, altra Italia!

Il tuo accorato messaggio (Vedi Inform n. 246: "Gustavo Velis, La Prima Voce, Mar del Plata: "quello che ci aspettiamo dall'Italia". ndr) ci ha commosso e ci sprona a sostenere le iniziative e gli sforzi, che si prospettano numerosi, promossi dal nostro Governo, dalle Regioni e da diverse altre istituzioni a favore delle comunità italiane o d'origine italiana, non solo, ma di tutto il popolo argentino.

Alla fase emozionale e alle parole devono ora seguire i fatti ed a tal fine occorrerà concertare e promuovere occasioni d'incontro e di sostegno per favorire la programmazione di ulteriori interventi ed accelerare i tempi d'attuazione delle misure già predisposte. Sono dell'opinione che questo sprone debba essere uno dei principali compiti della stampa italiana all'estero e dei media nazionali, compartecipi, che della giustizia di tale causa siano convinti e che per essa s'impegnino.

Anch'io ho parenti, sparsi nei dintorni di Buenos Aires, cui ho scritto preoccupato e dai quali ho ricevuto risposte rassicuranti in merito agli effetti dei disordini, anche da te denunciati. In provincia tutto sembra andare per il meglio. La crisi, certo, è grave e coinvolge tutta la Nazione e per risolverla bisognerà che il popolo elegga a rappresentarlo persone capaci, serie ed oneste e si prepari ad affrontare i necessari sacrifici.

Coraggio, dunque, lo sguardo rivolto ad un valido futuro. Noi tutti cercheremo di sostenere con i mezzi, di cui disponiamo, la campagna in favore dell'Argentina: ch'essa viva e prosperi!

Cordialmente, Vito d'Adamo.

(Inform)


Vai a: