* INFORM *

INFORM - N. 243 - 21 dicembre 2001

La conferenza di fine anno di Berlusconi:" Il governo cambierà l'Italia"

ROMA - "Il governo vuole cambiare l'Italia, vuole cambiare lo Stato". Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, nella conferenza stampa di fine anno a Villa Madama, ha ribadito di voler avviare un'attività di riforma che vada in tutte le direzioni: "Dobbiamo mettere mano ad un ammodernamento completo dello Stato, per renderlo più efficiente, per dare maggiore competitività alla nostra economia, per dare più servizi ai cittadini con un costo inferiore a quello attuale". "Il governo vuole cambiare l'Italia, vuole cambiare lo Stato".

"Sono soddisfatto dei risultati di questi primi sei mesi''. Berlusconi ha tracciato un bilancio positivo dell'azione nei primi mesi del suo governo. "In me - ha detto - non c'è nessuna voglia di rivincita, rivalsa o vendetta nei confronti della magistratura"., ed ha manifestato l'intenzione, nei primi tre mesi del nuovo anno, di porre mano alla riforma della giustizia: "Il disegno di legge che il governo proporrà alle Camere prevede una separazione delle funzioni e non delle carriere''.

Il Presidente del Consiglio ha pure annunciato di avere già "sul tavolo a Palazzo Chigi la proposta del ministro della Difesa per una riforma completa di tutto il sistema". Al settore vanno assegnate "tutte le armi e le tecnologie che possano fare ben figurare il nostro Paese nello scenario europeo".

"E' stato quasi un miracolo non avere aumentato le tasse con l'ultima manovra di bilancio", ha rilevato tra l'altro Berlusconi, aggiungendo che "nella storia della Repubblica non c'è nessun altro governo che nei primi sei mesi di attività ha prodotto tanto". (Inform)


Vai a: