* INFORM *

INFORM - N. 240 - 18 dicembre 2001

Si è tenuto a Cagliari il Congresso regionale dell'AITEF Sardegna

CAGLIARI - Dopo due giorni di intenso dibattito si è conclusa a Cagliari l’Assemblea congressuale della Federazione AITEF Sardegna (Associazione italiana tutela emigrati e famiglie) presieduta dal dr. Italo D’Agnanno, alla quale ha partecipato una nutrita rappresentanza delle quattro Province sarde e dei Circoli sardi all’estero (Soru, Francia; Etzi, Belgio; Puddu, Francia; Melis, Spagna; Biancu, Brasile).

Sono intervenuti, inoltre, il sindaco di Cagliari, Floris; il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale, Corona; il capo di gabinetto dell’assessore regionale al Lavoro, Dedoni il presidente della Federazione associazioni emigrati sardi (FAES) Dessì, ed i rappresentanti delle associazioni FILEF, CRAIES, ACLI.

Hanno inviato messaggi il presidente della Regione Pili; il presidente del Consiglio regionale Serrenti; gli assessori regionali Scarpa, Amadu, Fois e Oppi, nonché le Federazioni dei Circoli sardi di Argentina, Svizzera e Francia.

Questo il documento approvato a conclusione dei lavori:

"L’Assemblea congressuale,

sentita l’introduzione del presidente onorario G Carta, la relazione del presidente A. Pisano, del consultore Erba, delle professoresse A. Leone e F. Podda (Università di Cagliari), le proposte del segretario generale G. Ortu ed il dibattito, con voto unanime,

ribadisce:

a) promuovano interventi infrastrutturali nei comparti stradali; portuale, energetico, ideologico e fognario;

b) assicurino la crescita di nuove imprese e di nuove imprenditorialità per ridurre la disoccupazione e l’emigrazione giovanili;

c) istituiscano la Conferenza permanente dei Sardi fuori dalla Sardegna, propedeutica alla Conferenza triennale fra Stato, Regioni e CGIE (Legge 198/98);

d) estendano l’esercizio del diritto di voto per corrispondenza ai cittadini italiani di origine sarda residenti all’estero in occasione delle elezioni del Consiglio regionale e l’attribuzione ad essi di una rappresentanza pari a tre seggi;

e) attribuiscano risorse finanziarie specificamente destinate alla valorizzazione del ruolo dei giovani e delle donne in emigrazione;

f) superino, in via definitiva, le limitazioni imposte ai sardi dalle condizioni di insularità della Sardegna;

g) incentivino la collaborazione tra la Regione, la Consulta, le Federazioni, i Circoli, le Associazioni nazionali di emigrazione, i Comites ed il CGIE".

Prima della chiusura dei lavori l’Assemblea ha proceduto alla votazione degli organi statutari. Sono risultati eletti, all’unanimità: presidente regionale Alberto Pisano; membri del direttivo Roberto Erba e Antonino Casu; presidente onorario Giorgio Carta. (Inform)


Vai a: