* INFORM *

INFORM - N. 237 - 12 dicembre 2001

La Federazione dei lucani in Svizzera alle autorità della Regione Basilicata: "Convocare quanto prima la seconda Conferenza dei lucani nel mondo"

ZURIGO - "Egregi Signori, il Comitato direttivo della Federazione delle associazioni lucane in Svizzera ha preso atto del mancato rispetto della legge n. 19/96 e della non osservanza della stessa da parte di codeste Istituzioni regionali e chiede al più presto possibile di voler indire la "Conferenza regionale dei presidenti delle associazioni lucane all'estero" come recita la legge sopracitata con decorrenza biennale. Si fa notare a codeste Istituzioni regionali che è ormai da 5 anni che non viene più indetta tale Conferenza.

Al fine di evitare malintesi e contestazioni politiche a riguardo della questione finanziaria, causa principale della non osservanza della Legge, i presidenti delle associazioni lucane in Svizzera avvertono la necessità che il denaro pubblico dell'amministrazione regionale di Basilicata nell'ambito del bilancio della Regione si tenga conto in mondo prioritario al rispetto e all'osservanza del dettato delle leggi regionali a favore dei lucani nel mondo e che nella stessa forma che si trova il denaro per le visite all'estero altresì trovate il denaro per convocare la Conferenza regionale dei lucani nel mondo.

E' una vergogna che una Regione seria e responsabile come la nostra, riesca ad elargire un miliardo per il lucani indigenti del Sud-America, trova il denaro per viaggi di visita in tutto il mondo e non tenga fede ad una legge che con decorrenza biennale non riesca a trovare la somma di duecento milioni di lire per attuare un diritto acquisito per legge che penalizza ed umilia ancora una volta i lucani nel mondo che sono la struttura e la base del tessuto associativo lucano all’estero.

Il rispetto verso l'altra Basificata nel mondo a cui si riconosce il grande patrimonio civile, democratico e culturale-politico, nonché una grande risorsa economica per la nostra Regione spesso viene dimenticata ed umiliata.

I presidenti delle Associazioni lucane in Svizzera pertanto chiedono al Consiglio regionale, alla Giunta regionale, ai gruppi politici consiliari ed alla Commissione regionale dei lucani nel mondo, ad adoperarsi per convocare quanto prima la seconda Conferenza regionale dei lucani nel mondo. Certo e convinto che se c'è la volontà politica ed un'intesa comune da parte di tutti, la Conferenza in questione non sarà certamente un intralcio al percorso istituzionale, ma sarà un arricchimento che serve a voi ed a noi per migliorare i rapporti tra la Regione Basilicata e i suoi figli sparsi per il mondo. A nome di tutti i presidenti delle associazioni lucane in Svizzera e nell'attesa della Conferenza regionale dei lucani nel mondo, vi porgo il più sincero ed affettuoso saluto".

Per la Federazione delle Associazioni Lucane in Svizzera, Antonio Boccomino-Presidente.

(La lettera è pubblicata da "Rinascita", Svizzera, nel numero di venerdì 14 dicembre)


Vai a: