* INFORM *

INFORM - N. 230 - 3 dicembre 2001

Un rappresentante dell’Argentina per la prima volta nel Consiglio centrale della Società Dante Alighieri

ROMA - Prosegue il piano di rafforzamento della Società Dante Alighieri, Ente morale per la diffusione della lingua e della cultura italiane. Domenica 2 dicembre il Consiglio Centrale della Società, presieduto dal Presidente, Ambasciatore Bruno Bottai, ha proceduto alla nomina per cooptazione di un rappresentante dei 114 Comitati argentini: il dott. Emilio Petriella, Presidente del Comitato di Buenos Aires, in qualità di Consigliere Centrale. E’ la prima volta dalla fondazione della "Dante Alighieri", nel 1889, che un esponente dell’Argentina entra a far parte del massimo organismo della Società.

Alla riunione, tenutasi nella sede di Palazzo Firenze, a Roma, hanno partecipato per la prima volta il Vice Presidente Alberto Arbasino ed il Consigliere Centrale Giuseppe De Rita. Ed erano presenti anche gli altri due Vice Presidenti, Gianni Letta e Riccardo Campa; il Soprintendente ai Conti, Walter Mauro; i Revisori dei Conti Vittorio Ardizzone, Francesco Argondizzo ed Umberto Ercoli; il Segretario Generale Alessandro Masi ed i Consiglieri Centrali. Il Consigliere Filippo Caparelli, dopo oltre 60 anni di attiva partecipazione, ha rassegnato le dimissioni ed è stato nominato all’unanimità Consigliere Emerito.

Nel corso della seduta, l’Ambasciatore Bruno Bottai ha auspicato il sostegno del Governo e del Parlamento riguardo ad alcune questioni: la necessità di appoggiare l’impegno della "Dante Alighieri" per la diffusione della lingua e della cultura italiane nel mondo con stanziamenti contenuti, ma sicuri ed adeguati; l’opportunità di avviare un collegamento informatico dei Comitati - collegamento che potrebbe partire dai 19 Comitati svizzeri della Società – anche in vista del voto degli italiani all’estero; di favorire un rapporto più stretto fra la "Dante Alighieri" e i programmi radiotelevisivi da e verso l’estero.

Infine, i lavori del Consiglio Centrale si sono conclusi con l’approvazione del rendiconto dell’Amministrazione Centrale per l’anno 2001 presentato dal Soprintendente ai Conti Walter Mauro.


Vai a: