* INFORM *

INFORM - N. 225 - 26 novembre 2001

Verso un accordo sulle doppie imposizioni fiscali tra Italia e San Marino. Incontro Ruggiero-Gatti

ROMA - Il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica italiana, Renato Ruggiero, e il Segretario di Stato per gli Affari Esteri della Repubblica di San Marino, Gabriele Gatti, si sono incontrati a Roma il 26 novembre presso il Ministero degli Affari Esteri e al termine dell'incontro hanno rilasciato un comunicato congiunto. Eccone il testo.

"I due Ministri hanno passato in rassegna gli sviluppi della situazione internazionale, con particolare riguardo all'Afghanistan e al Medio Oriente. In questo contesto è stata ribadita la comune volontà e l'impegno nella lotta al terrorismo internazionale che costituisce la sfida principale per le conquiste del mondo civile e che richiede pertanto l'intensificazione dello sforzo che ogni Paese è chiamato a compiere nell'ambito di una sempre più attenta ed aperta cooperazione.

I due Governi ritengono altresì importante la proficua collaborazione da tempo instaurata nella comune partecipazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite con particolare riferimento alla riforma, ormai imprescindibile, degli organi che la governano, così come essenziale è il ruolo ed il contributo che i due Paesi sono chiamati a svolgere nell'ambito del Consiglio d'Europa, dell'OSCE, del Fondo Monetario Internazionale e dell'OCSE, anche con riferimento all'impegno nella lotta alla criminalità finanziaria ed al riciclaggio.

Passando ad esaminare le relazioni bilaterali e lo stato della collaborazione tra l'Italia e la Repubblica di San Marino, i due Ministri hanno preso atto con soddisfazione del loro consolidamento sulla base dei tradizionali rapporti di amicizia e proficua cooperazione da sempre esistenti fra i due Stati.

In questo ambito hanno ritenuto di primaria importanza la prosecuzione delle trattative per giungere ad un accordo in materia di doppie imposizioni fiscali che costituisca un quadro di riferimento certo per gli imprenditori dei due paesi e per lo sviluppo degli investimenti e che, per l'alto grado di integrazione fra le due realtà economiche e sociali, sia in grado di estendere le sue positive ricadute.

L'accordo, che i Ministri auspicano possa essere finalizzato entro la prossima primavera, consentirà altresì di ricercare e definire soluzioni concordate alla complessa problematica che interessa i lavoratori frontalieri.

I due Ministri hanno convenuto di avviare trattative per la conclusione di un accordo di cooperazione culturale e scientifica e di promuovere iniziative per l'ulteriore rafforzamento della collaborazione in materia turistica ed ambientale". (Inform)


Vai a: