* INFORM *

INFORM - N. 217 - 14 novembre 2001

L'assessore Zanon annuncia da Buenos Aires un accordo Zanussi-Regione Veneto-Ministero del Lavoro per occupare 200 oriundi veneti nei primi mesi del 2002

BUENOS AIRES – Il progetto coinvolge il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, la Regione Veneto e il gruppo Electrolux Zanussi, leader nel Nord Est: dare lavoro, negli stabilimenti di Belluno, Treviso e Rovigo, a 200 operai specializzati provenienti dall’Argentina, oriundi veneti di prima e seconda generazione. Il lavoro sarà a tempo indeterminato, e verranno preparati ad esso con specifici corsi di formazione professionale e di lingua italiana che saranno svolti in Argentina. In Veneto si penserà poi all’inserimento mirato che comprenda sia l’occupazione che l’alloggio. Le 200 figure professionali saranno composte da manutentori, elettricisti e meccanici, attrezzisti, conduttori di impianti automatizzati, saldatori, operai generici, prototipisti.

Di questo progetto pilota, che dà una svolta alla dibattuta questione sul possibile rientro degli emigrati veneti per rispondere alla carenza di manodopera e che sta già registrando notevole interesse anche da parte di altre aziende del Nord Est, ha dato notizia a Buenos Aires l’Assessore veneto ai flussi migratori Raffaele Zanon, nell'incontro con il nuovo Ambasciatore d’Italia in Argentina Roberto Nigido, il Console generale d’Italia a Buenos Aires Palladino e i responsabili della Camera di Commercio Italiana.

Zanon si trova in questi giorni nella capitale argentina, in missione istituzionale, per visitare le comunità venete emigrate e per inaugurare lo "sportello informativo di reciprocità" di Cordoba per il rientro lavorativo nel Veneto per gli emigrati che lo desiderino, sportello avviato dalla Provincia di Padova. L'Assessore regionale guida una delegazione di cui fa parte anche l’Assessora alla cultura delle Provincia di Padova Vera Slepoj e il Consigliere provinciale padovano Manzolin.

Il progetto avviato tra Zanussi, Regione e Ministero, secondo l’esponente veneto, "sta traducendo in fatti le intuizioni della Regione Veneto, poi articolate anche nelle dichiarazioni programmatiche del Governo e nella legge sull’immigrazione della Regione. La Zanussi ha raccolto la sfida - ha detto Zanon - e ora stiamo lavorando per definire nei particolari il progetto che dovrebbe poter spalancare le porte degli stabilimenti Zanussi per i giovani argentini di origine veneta fin dai primi mesi del 2002.

Sarà un aiuto concreto - ha detto Zanon - non assistenzialistico e che non graverà sulle quote di immigrati stabilite dal Governo perché si tratterà di persone con passaporto italiano". L’Assessore regionale ha annunciato che saranno coinvolti sul progetto gli enti locali interessati, le forze sociali e imprenditoriali. (Inform)


Vai a: