* INFORM *

INFORM - N. 209 - 4 novembre 2001

Svizzera - Un nuovo presidente per la Commissione degli stranieri

BERNA - A partire dal 1° gennaio 2002 avverrà un cambio della guardia alla presidenza della Commissione federale degli stranieri (CFS). Si è dimessa, infatti, Rosemarie Simmen, che ha guidato la CFS dal febbraio 2000 in un periodo di turbolenze, ma anche di intenso lavoro a motivo del nuovo programma di promozione dell’integrazione voluto dalla Confederazione e avviato con i primi finanziamenti nel 2001. La Simmen ha avuto il merito di ricucire i rapporti con le organizzazioni degli immigrati, dopo che la scelta del governo di sottoporre la CFS all’Ufficio federale degli stranieri aveva provocato forti polemiche.

Il nuovo presidente sarà Francis Matthey, originario di Neuchâtel, attivo in campo politico sia in ambito cantonale che federale all’interno del Consiglio Nazionale. Il ministro Ruth Metzler ha spiegato la scelta di questo candidato sottolineando la sua esperienza nel campo della politica degli stranieri. Il cantone di Neuchâtel, inoltre, viene considerato all’avanguardia per quanto concerne l’integrazione: gli immigrati godono del diritto di voto a livello comunale e cantonale. Matthey vede nell’attuale problema dei clandestini una grande sfida per la Commissione. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: