* INFORM *

INFORM - N. 209 - 4 novembre 2001

Azione italiana a tutela dei radicali arrestati nel Laos

ROMA - A seguito dei passi ripetutamente svolti presso le autorità laotiane, il 2 novembre l'Ambasciatore d’Italia in Thailandia, Starace Janfolla, ha incontrato a Ventiane i tre cittadini italiani, esponenti del Partito radicale, arrestati nei giorni scorsi in Laos. Lo precisano fonti della Farnesina, aggiungendo che l’Ambasciatore ha riferito di aver trovato i connazionali in buone condizioni di salute.

Sulla base delle indicazioni fornite dalle autorità locali, i militanti radicali dovrebbero essere processati per i reati di propaganda contro lo Stato e adunata sediziosa, che prevedono pene detentive. Starace ha insistito affinché ai tre connazionali venga riservato un trattamento carcerario adeguato e sia possibile rifornirli regolarmente di generi di conforto. L’Ambasciatore si è inoltre trattenuto a Vientiane anche per coordinare gli interventi con il rappresentante dell’Unione Europea e l’Ambasciatore del Belgio. (Inform)


Vai a: