* INFORM *

INFORM - N. 200 - 22 ottobre 2001

Il vice presidentePassaleva in visita per tre giorni a Tirana, Scutari e Vau Dejës. La Toscana regala un ambulatorio pediatrico all'Albania

FIRENZE - La Toscana va a Vau Dejës, piccolo comune albanese nei dintorni di Scutari, per consegnare ed inaugurare una struttura prefabbricata ad uso sanitario. Lo fa con il vice presidente della Regione Toscana Angelo Passaleva, il presidente della provincia di Firenze Michele Gesualdi ed il dottor Marco Martinucci dell'ospedale fiorentino Meyer. La prima tappa è Tirana, dove la delegazione ha incontrato i responsabili delle attività di cooperazione sanitaria dell'ospedale cittadino. A Scutari, invece, Passaleva inaugura il Centro Donne.

La struttura sanitaria donata - 200 metri quadri, climatizzata, capace di ospitare dai 6 agli 8 posti letto, dotata di servizi igienici, locali per i medici e perfino di un gruppo elettrogeno che la rende autonoma - è stata messa a disposizione dalla Regione Toscana, dalla provincia di Firenze e dall'ospedale Meyer. E' nata come locale di primo soccorso (rivolta essenzialmente a soggetti in età pediatrica), ma forse ospiterà un poliambulatorio. "Si tratta di un intervento prezioso anche in termini di solidarietà tra i popoli - ha commentato il vice presidente Passaleva - nel contesto di una collaborazione con i Paesi dell'Est che va portata avanti anche nel delicato settore delle politiche sociali e sanitarie: nella consapevolezza di compiere un piccolo gesto di autentica amicizia e con il significativo coinvolgimento delle autorità locali".

"Portare servizi a chi ne ha bisogno e strumenti stabili per mantenerli, piuttosto che svolgere opera di assistenza a distanza in Italia, è la logica che deve ispirare la solidarietà internazionale - ha aggiunto Gesualdi - E prima di tutto abbiamo deciso di guardare ai bisogni delle fasce deboli della popolazione, in questo caso ai bambini".

"Al comune albanese di Vau Dejës non diamo solo un prefabbricato - conclude il vice presidente della Toscana - Intendiamo fornire anche gli strumenti per agevolare una sua efficace gestione". L'accordo sottoscritto prevede infatti che il Meyer e l'ospedale di Scutari promuovano attività formative rivolte al personale medico e para-medico che vi opererà. (wf-Inform)


Vai a: