* INFORM *

INFORM - N. 193 - 12 ottobre 2001

Elezioni in Kossovo: incontro tra Ruggiero e il vice premier serbo Covic

ROMA - Il ministro degli Esteri Renato Ruggiero ha incontrato il 12 ottobre il vce primo ministro serbo Nebjosa Covic, coordinatore per il Kossovo del Governo di Belgrado. L’incontro rientra nell’ambito delle consultazioni internazionali in vista delle elezioni generali che si terranno in Kossovo il 17 novembre.

Nel corso del cordiale colloquio, si è concordato sull’importanza cruciale di queste elezioni per il ripristino della normalità nella regione. Da parte serba, ha sottolineato Covic, si auspica di parteciparvi in condizioni di sicurezza, come dimostra la registrazione pre-elettorale di oltre 170.000 cittadini serbi della Provincia – circa un decimo della sua popolazione. Il vice premier serbo ha espresso soddisfazione per l’attenzione con cui l’Italia segue la situazione in Kossovo, testimoniata dall’impegno di oltre 5000 nostri militari nella KFOR e dallo stanziamento di 45 miliardi di lire per programmi di cooperazione e di 10 miliardi di lire di contributo all’UNMIK.

Ruggiero, da parte sua, ha sottolineato come la creazione di una società multietnica e democratica nella Provincia sia l’obiettivo fondamentale dell’Italia e dell’Unione Europea, per raggiungere il quale le elezioni di novembre rappresentano un passaggio essenziale. Il rafforzamento del dialogo inter-etnico nel quadro di una rigorosa applicazione della Risoluzione 1244 delle Nazioni Unite, ha proseguito il ministro, è una condizione irrinunciabile per il successo delle elezioni e dei suoi seguiti. Il titolare della Farnesina ha ribadito l’impegno dell’Italia affinché sia favorito il rientro dei rifugiati serbi in condizioni di sicurezza. I due ministri hanno infine convenuto sull’importanza di un approccio regionale ai problemi balcanici, in un quadro di progressivo avvicinamento dei paesi dell’area all’Europa, ai fini della loro stabilizzazione e del loro sviluppo, obiettivi prioritari dell’azione italiana svolta anche in seno al Gruppo di contatto di cui l’Italia è membro. (Inform)


Vai a: