* INFORM *

INFORM - N. 189 - 8 ottobre 2001

Ottobre all’insegna di Bellini a Copenaghen

COPENAGHEN - Per celebrare il bicentenario della nascita di Vincenzo Bellini, l’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen ha promosso una serie di manifestazioni. Il 13 ottobre, in occasione dell’esecuzione della "Norma" con l’orchestra e coro della Radiotelevisione Danese e la partecipazione della soprano Inga Nielsen e del tenore Francisco Araiza, l’Istituto di Cultura allestirà, nei locali adiacenti l’Auditorium della Radio Danese, una mostra imperniata sulla celebre opera del compositore catanese. La mostra, nata dalla collaborazione con la Biblioteca di Santa Cecilia e del Teatro dell’Opera di Roma, esibirà la partitura autografa della "Norma", lettere e composizioni autografe, numerosi libretti delle prime in tutto il mondo (da Rio de Janeiro a Calcutta), i ritratti originali dei primi interpreti, i bozzetti originali di Sanquirico, la prima edizione dello spartito di Ricordi e i costumi indossati da Maria Callas e da Franco Corelli nella storica messa in scena del 1951. La mostra sarà in seguito trasferita nella galleria dell’Istituto di Cultura. Il 17 ottobre il Prof. Olimpio Musso, nell’Auditorium dell’Istituto, terrà una conferenza durante la quale verranno svelate notizie inedite sulla "Norma". Dopo la conferenza la Società Danese Belcanto eseguirà arie dalle più note opere di Vincenzo Bellini.

Una celebrazione più che opportuna in Danimarca, un paese dove ancora sembrano farsi sentire le conseguenze della massiccia, organizzata opposizione del mondo musicale danese all’opera italiana nei primi decenni secolo XIX. Al contrario del re Cristiano VIII, che aveva scritturato una compagnia operistica italiana per 10 anni (dal 1842 al 53) al Teatro di Corte di Christiansborg, gruppi di esponenti della vita musicale danese organizzati dal compositore di origine tedesca Weyse, boicottavano regolarmente a suon di fischi e gazzarre le opere italiane, sopratutto quelle di Bellini, che, mentre il compositore italiano veniva applaudito e celebrato nelle più grandi capitali europee, finirono per scomparire definitivamente dal cartellone del Teatro Reale danese. L’ultima rappresentazione della "Norma" in Danimarca risale infatti al 1906. Il 13 e il 17 ottobre, alla presenza dell’Ambasciatore italiano Antonio Catalano di Melilli e delle massime autorità politiche e culturali locali, Vincenzo Bellini tornerà ad ammaliare il pubblico musicale danese, caratterizzato ormai da un sicuro buon gusto europeo. (Inform)


Vai a: