* INFORM *

INFORM - N. 188 - 5 ottobre 2001

Incontro Ruggiero-Ali Ahani: prosegue il dialogo italo-iraniano

ROMA - Il ministro Renato Ruggiero ha ricevuto il 4 ottobre alla Farnesina il vice ministro degli Esteri della Repubblica Islamica dell’Iran, Ali Ahani, con il quale ha discusso le principali questioni bilaterali e gli sviluppi della crisi seguita agli attentati terroristici negli Stati Uniti.

Ali Ahani ha sottolineato l’eccellente livello delle relazioni bilaterali e il vivissimo auspicio del Governo di Teheran di sviluppare ulteriormente i rapporti con l’Italia. In questo quadro le autorità iraniane sarebbero particolarmente liete di ricevere quanto prima una visita del ministro Ruggiero e guardano con grande interesse alla riunione della quinta Commissione mista italo-iraniana in programma a Teheran nei prossimi mesi. Il vice ministro ha ribadito la ferma condanna iraniana di ogni atto di terrorismo, ricordando come all’indomani dei tragici attentati dell’11 settembre l’Iran abbia espresso ad altissimo livello la sua profonda solidarietà nei confronti del popolo americano. Ha inoltre confermato la più ampia disponibilità di Teheran a collaborare a iniziative contro il terrorismo sotto l’egida delle Nazioni Unite, nonché a promuovere interventi a sostegno dei profughi afghani mettendo a disposizione il territorio e lo spazio aereo dell’Iran per l’invio di aiuti.

Ruggiero ha ricordato che le eccellenti relazioni tra l’Italia e l’Iran si fondano su profonde ragioni storiche, geografiche ed economiche. Ha espresso forte apprezzamento per la convinta condanna iraniana degli attentati di Washington e New York e per le posizioni espresse dal vice ministro iraniano in merito alla lotta contro il terrorismo. Tale lotta sarà affrontata - ha rilevato Ruggiero - nell’ambito di una strategia globale, che comporterà misure di carattere non solo militare ma anche e soprattutto politico, economico e giuridico. In questo senso, notevole rilievo assumerà il ruolo rafforzato delle Nazioni Unite in particolare attraverso l’istituzione, da ultimo decisa a New York, del Comitato di monitoraggio sull’attuazione delle misure internazionali contro il terrorismo.

Ruggiero ha concluso osservando che l’Italia considera di primaria importanza anche l’approfondimento del dialogo tra Teheran e l’Unione Europea, soprattutto a seguito dei tragici eventi dell’11 settembre, per un impegno comune contro il terrorismo e il crimine transnazionale. (Inform)


Vai a: