* INFORM *

INFORM - N. 188 - 5 ottobre 2001

Riunita a Vancouver la Commissione Continentale per i Paesi anglofoni del CGIE

VANCOUVER - La Commissione Continentale per i Paesi Anglofoni extra-europei si è riunita a Vancouver in Canada il 2-3-4 ottobre, presieduta dal vice segretario generale Gino Bucchino, con l’assistenza del consigliere d'ambasciata Mario Fridegotto della segreteria esecutiva del CGIE.

Ai lavori erano presenti i consiglieri del CGIE dell’area anglofona: Rocco Di Trolio e Domenico Marozzi (Canada); Luigi Casagrande, Daniela Tuffanelli Costa, Marco Fedi e Pietro Schirru (Australia); Lorenzo Della Martina e Maurizio Mariano (Sud Africa); Domenico Mancini e Gastone Orefice (USA). Sono intervenuti, in qualità di esperti: Marco Boni (Sud Africa) e – su suggerimento del console generale d’Italia a Vancouver – gli esperti canadesi, Dr Andrew Heard (Simon Fraser University) e Dr Daniel Cohen (Simon Fraser University), che hanno aderito su base volontaria e gratuita. Hanno altresì partecipato il consigliere Eugenio Sgrò, in rappresentanza del ministro Carlo Marsili, direttore generale per gli Italiani all'estero della Farnesina, il console generale d’Italia a Vancouver Rodolfo Buonavita, il console d’Italia a Edmonton Pierluigi Trombetta.

La riunione della Commissione è stata preceduta, la sera del 1° ottobre, da un incontro con la comunità italiana di Vancouver, aperta da un minuto di silenzio per onorare le vittime degli attentati terroristici e per le famiglie di tanti italo-americani colpiti dal lutto e dal dolore rispetto ai quali la comunità italiana di Vancouver ed il CGIE hanno espresso profonda solidarietà e partecipazione. L’incontro ha poi consentito un ampio dibattito ed un costruttivo confronto con il CGIE ed il MAE sulle tematiche dell’informazione e della riforma di Comites e CGIE.

I lavori si sono aperti ufficialmente nel pomeriggio del 2 ottobre, mentre la mattina c'era stata una cerimonia religiosa presso la Chiesa italiana di Our Lady of Sorrow per ricordare tutte le vittime degli attentati terrostici che hanno colpito New York e Washington. Dopo i saluti del vice-segretario Bucchino, del consigliere CGIE di Vancouver Rocco Di Trolio, del console generale Buonavita, il consigliere Sgrò ha tenuto un primo intervento sulla tematica della riforma di Comites e CGIE.

La discussione tenuta in apertura dei lavori è servita a riaffermare la validità della scelta di confermare la convocazione della Commissione a Vancouver, spostando le date per consentire ai consiglieri che avrebbero preso parte alla cerimonia di commemorazione svoltasi a New York il 1° ottobre di partecipare anche ai lavori della Commissione. La Commissione Continentale ha inoltre proposto al CGIE di adoperarsi per porre in essere iniziative di solidarietà con la comunità italo-americana colpita dal terrorismo.

Durante le tre giornate di riunione sono stati approfonditi i temi all’ordine del giorno: Riforma Comites e CGIE; Impianto federativo dello Stato; Legislazioni regionali a confronto; Federalismo e "business communities"; Conferenza Stato-Regioni-Province Autonome-CGIE; Piani Paese per i settori scuola, rete consolare, formazione professionale, rete commerciale, rete culturale; Aggiornamenti su: Finanziaria 2002, Legge ordinaria sul diritto di voto, anagrafe consolare; Leggi di riforma di Comites e CGIE: proposte d’area. Gli esperti hanno svolto relazioni sul tema del federalismo e delle esperienze in corso in Sud Africa, Canada, Australia, Stati Uniti.

Al termine del dibattito è stato approvato all’unanimità il documento conclusivo. La Commissione ha infine formulato alcune raccomandazioni.

La prossima riunione della Commissione Continentale per i Paesi anglofoni, secondo il previsto meccanismo della rotazione, si terrà a Sydney (Australia) nella seconda metà del mese di aprile 2002, compatibilmente con le esigenze di calendario delle riunioni delle altre Commissioni Continentali del CGIE. E’ stato ipotizzato come uno dei temi centrali della giornata dedicata agli esperti quello dello "Sport come momento di aggregazione dei giovani". (Inform)


Vai a: