* INFORM *

INFORM - N. 185 - 2 ottobre 2001

Il messaggio di Ciampi: "L'America non è sola a piangere le sue vittime. Questo è un lutto per il mondo intero"

NEW YORK - Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in memoria delle vittime dell'11 settembre, ha inviato il seguente messaggio, che è stato letto dal ministro Tremaglia nel corso della cerimonia a New York nella Cattedrale di San. Patrizio.

"Non sappiamo ancora quante siano le vite umane perse nella tragedia che ha colpito gli Stati Uniti d'America.

Molte sono state salvate dall'eroismo dei soccorritori. Purtroppo neppure l'abnegazione di un'intera città poteva fare il miracolo di restituirci i troppi dei quali non abbiamo notizia.

L'America non è sola a piangere le sue vittime. Questo è un lutto per il mondo intero. New York accoglie la comunità delle nazioni. Quasi la metà di esse non sono state risparmiate dalla tragedia dell'11 settembre.

Molti erano legati all'Italia da amicizia e affetti profondi. Molti erano italiani, molti erano italo-americani.

Li ricordiamo insieme: uomini e donne, vittime innocenti della barbarie, accomunati dalle stesse radici, dall'appartenenza alla nostra gente. Ricordiamo il loro lavoro e la loro volontà di costruire il futuro, sulla scia delle generazioni di emigrati accolti da questa terra e da questa città.

È stato violato il valore della persona umana, fondamento del vivere civile, senza distinzione di nazionalità, di credo o di colore della pelle. Alla ricorrenza del trigesimo giorno, l'11 ottobre, l'Italia commemorerà solennemente tutte le vittime degli attentati terroristici in San Giovanni in Laterano.

A tutti va oggi il nostro pensiero, la nostra commozione e la promessa di non dimenticare l'ingiusto sacrificio. Che la loro memoria ci aiuti a sconfiggere la barbarie." (Inform)


Vai a: