* INFORM *

INFORM - N. 182 - 27 settembre 2001

Preoccupazione per il futuro dei corsi di lingua e cultura italiana in Svizzera. Una giornata di studio indetta per il 25 novembre

BERNA - GIi Enti gestori dei corsi di lingua e cultura italiana in Svizzera si sono riuniti per fare una verifica sul funzionamento dei corsi ad inizio d’anno scolastico ed esaminare la situazione venutasi a creare a seguito del congelamento da parte del Ministero degli Affari Esteri delle nomine degli insegnanti italiani di ruolo destinati alle scuole all’estero.

Nell’attesa che l’amministrazione sblocchi la situazione nominando ed inviando i docenti - è detto nel comunicato diramato al termine dlela riunione - , gli Ente gestori, con senso di responsabilità, su invito dei Consoli e dei Dirigenti scolastici, si sono fatti carico di risolvere momentaneamente la situazione, assumendo in alcuni casi nuovo personale docente e facendo degli accorpamenti di alunni, là dove è stato possibile, e riduzione della durata delle lezioni in altri, per garantire il normale svolgimento delle attività didattiche. L’iniziativa ha carattere transitorio fino all’arrivo dei docenti di ruolo e in ogni modo non oltre il mese di novembre dicembre 2001.

Gli Enti gestori valutano la situazione attuale drammatica e sono seriamente preoccupati per il futuro dei corsi. Auspicano che da parte del Ministero degli Affari Esteri vengano stanziati i finanziamenti suppletivi necessari a garantire il normale svolgimento delle attività didattiche.

Stante il perpetuarsi di una situazione di perenne emergenza, gli Enti hanno indetto per domenica 25 novembre una giornata di studio, con il fermo proposito di coinvolgere tutta l’emigrazione organizzata e tutte le parti direttamente o indirettamente interessate per un’analisi e riflessione sulla situazione attuale e per tracciare le linee di prospettiva futura dei corsi di lingua e cultura. Obiettivo della giornata è anche quello di contribuire ad approntare il necessario aggiornamento al "Piano Paese" il cui termine ultimo di consegna è fissato per il prossimo 15 dicembre. (Inform)


Vai a: