* INFORM *

INFORM - N. 181 - 26 settembre 2001

75° Congresso Internazionale della Societa’ Dante Alighieri: se la lingua insegue i segni dell’arte

BERGAMO - Si apre a Bergamo, giovedì 27 settembre, il 75° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri sul tema "La lingua e i linguaggi dell’arte".

I lavori, posti sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, si protrarranno fino a sabato 29 e saranno inaugurati dal Presidente della "Dante Alighieri", Ambasciatore Bruno Bottai.

Oltre che dei rappresentanti di numerosi Comitati in Italia e all’estero, di autorità nazionali e locali, di numerosi iscritti alla "Dante" e di 300 studenti italiani, l’incontro vedrà la partecipazione dell’On. Mirko Tremaglia, Ministro per gli Italiani nel Mondo, tra l’altro originario di Bergamo, e del Ministro per i Beni Culturali Giuliano Urbani.

Relatore ufficiale e curatore della manifestazione è il prof. Achille Bonito Oliva, critico d’arte di fama internazionale. Teorico del movimento della "transavanguardia", il prof. Bonito Oliva ha rivestito un ruolo fondamentale nel suscitare consensi internazionali nei confronti dell’attività di artisti italiani, attraverso eventi quale la Biennale di Venezia del 1993 e l’edizione newyorkese della mostra Minimalia nel 1999. La contaminazione del linguaggio visivo con quello verbale rappresenta inoltre uno dei principali spunti di riflessione sui quali si è articolato, fin dagli anni Sessanta con la partecipazione al Gruppo 63, il lavoro del prof. Bonito Oliva.

Tra i relatori il prof. Gillo Dorfles che interverrà sul tema "Non confondere lingua e linguaggi". Libero docente e poi ordinario di estetica presso le Università di Milano, Trieste e Cagliari, il prof. Dorfles ha sempre svolto un’intensa attività di critica d’arte e saggistica cui si è aggiunta la pittura, che lo ha portato a fondare nel primo dopoguerra, il MAC (Movimento Arte Concreta) insieme a Bruno Munari, Atanasio Soldati e Gianni Monnet.

Sono inoltre previsti gli interventi dei professori Francesco Leonetti ("Linguaggio verbale e linguaggio visivo"), Matteo D’Ambrosio ("La disavventura della parola. Dalle avanguardie storiche all’ambiente multimediale"), Claudia Villa ("Un testo per l’immagine: tra Poliziano e Botticelli"), Matilde Dillon – Wanke ("Invito a Lesbia Cidonia e la poesia didascalica del ‘700"), Marco Lorandi ("Letteratura e immagini del mito di Ulisse nella pittura a fresco del Cinquecento italiano"), Umberto Sansoni ("Incisioni rupestri camune").

In occasione del Congresso si terranno anche numerose iniziative culturali promosse dalla Regione, dalla Provincia, dal Comune e dalla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. (Inform)


Vai a: