* INFORM *

INFORM - N. 176 - 19 settembre 2001

Il Presidente Ciampi a Potenza: "Sono morti anche molti italiani, ma non identifichiamo le imprese terroristiche con l'Islamismo"

POTENZA- Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in visita nella Basilicata, ha voluto iniziare il suo incontro con le autorità locali della Regione con una riflessione sull'evento tragico che ha colpito l'America e con gli Stati Uniti tutto il mondo civile.

Sono morti migliaia di innocenti; fra di loro molti italiani o legati per sangue alla nostra Italia - ha detto tra l'altro. Ci sentiamo colpiti direttamente da questo orrendo attacco, un attacco a tutte le democrazie e ai principi di rispetto della persona umana che noi poniamo alla base delle nostre società. La risposta dovrà venire non dal solo Occidente, ma da una vasta alleanza di cui siano partecipi tutti i paesi che vogliono la pace. Creare questa alleanza è un compito prioritario per l'Italia, per l'Unione Europea, e per l'America.

Ieri in Medio Oriente - ha aggiunto Ciampi - si è aperto uno spiraglio di speranza: confidiamo, operiamo con tutte le nostre forze perché si affermi finalmente la pace. Questo terrorismo ci fa particolarmente paura quando proclama di ispirarsi a principi religiosi, o quando compie i suoi misfatti nel nome di Dio. Ma non dobbiamo in alcun modo identificare le imprese terroristiche e i loro protagonisti con i fedeli di quella che è stata e rimane una grande religione e cultura: l'Islamismo, che tanto ha contribuito anche alla crescita della nostra civiltà. I musulmani, cittadini italiani o immigrati, meritano tutto il nostro rispetto, ha concluso il presidente della Repubblica. (Inform)


Vai a: