* INFORM *

INFORM - N. 172 - 13 settembre 2001

Commercio Estero: conclusa la visita di Urso in Vietnam. Incontri bilaterali con delegazioni vietnamita e cinese

ROMA - Dopo aver partecipato ai lavori della terza Conferenza dei Ministri economici dell’Asem, svoltasi ad Hanoi il 10 e 11 settembre corrente, il Vice Ministro delle attività Produttive on. Adolfo Urso ha proseguito oggi in chiave bilaterale la sua missione in Vietnam, incontrando il Ministro del Commercio vietnamita Vu Khoan e il Vice Ministro cinese del Commercio internazionale Sun Zhenyu. Nella serata l’on. Urso aveva partecipato ad una cena di lavoro con gli operatori economici italiani operanti in Vietnam nella quale sono state esposte prospettive e criticità della presenza economica italiana dell’area del sud-est asiatico.

Nel corso dell’incontro con il Ministro del Commercio vietnamita Vu Khoan, l’on. Urso ha posto in evidenza il recente aumento dell’interscambio commerciale italo-vietnamita nell’ultimo anno, sia pure su valori assoluti ancora al di sotto delle potenzialità dei due Paesi. Egli ha peraltro valutato non soddisfacente il livello degli investimenti italiani in Vietnem, mettendo a parte il suo interlocutore dell’esistenza di ostacoli al commercio e agli investimenti ravvisati dai nostri operatori economici (in particolare la pesante burocrazia e le discriminazioni nelle tariffe dei servizi).

Il Vice Ministro Urso ha informato il suo collega vietnamita della volontà italiana di tenere entro il 2002 nel nostro paese una Country Presentation Vietnam a cura dell’Ice. Missioni di imprenditori italiani in Vietnam sono inoltre previste nel futuro.

Egli ha assicurato il Vietnam circa l’appoggio italiano alla futura adesione di Hanoi all’Organizzazione Mondiale del Commercio che si tradurrà concretamente nella prossima realizzazione di un progetto di assistenza tecnica ai funzionari vietnamiti impegnati nei negoziati.

L’importante scambio di vedute con il Vice Ministro cinese del Commercio Estero e della Cooperazione Economica Sun Zhenyu è stato incentrato sulla imminente adesione di Pechino all’Omc, che l’on. Urso ha auspicato possa avvenire proprio in occasione della prossima Conferenza Ministeriale di Doha. Cina e Italia – pur avendo posizioni non totalmente allineate – fanno mostra di grande flessibilità e sono d’accordo nel ravvisare l’opportunità del lancio di un nuovo ampio round negoziale in ambito Omc, consapevoli della necessità di rafforzare la cooperazione multilaterale anche per migliorare la capacità di risposta delle nazioni alle crisi economiche e finanziarie mondiali.

Sul piano più strettamente bilaterale è stato confermato lo svolgimento in Italia nell’ultima decade di ottobre della Commissione mista commerciale italo cinese, la quale provvederà a una esame dell’interscambio (in forte aumento rispetto all’anno precedente) e ad un’attenta valutazione delle rispettive posizioni in vista delle prossime scadenze internazionali.

L’on. Urso ha riaffermato il ruolo della Cina come "porta di accesso principale" dell’Italia in Asia, ricordando gli innumerevoli legami economici e culturali esistenti tra i due paesi. Il Vice Ministro Sun Zhenyu ha colto l’occasione per chiedere l’appoggio italiano alla candidatura di Shanghai ad esportare l’Esposizione Universale del 2010. L’incontro è terminato con una decisa condanna al terrorismo ed un impegno comune a scongiurare pericolose forme di escalation a livello globale che mettono in pericolo la stabilità – non solo economica – dell’intero pianeta. (Inform)


Vai a: