* INFORM *

INFORM - N. 170 - 11 settembre 2001

Attentati USA - Consiglio dei Ministri straordinario. Silvio Berlusconi: colpiti tutti i paesi liberi

ROMA - Il presidente del Consiglio Berlusconi ha convocato una seduta straordinaria del Consiglio dei ministri, durante la quale ha riferito sulle misure immediatamente adottate per una stretta sorveglianza degli obiettivi sensibili e per garantire la sicurezza nel nostro Paese.

"Provo, come tutti, pena per queste vittime innocenti di New York e Washington, per i passeggeri degli aerei dirottati, per l'angoscia inferta dal terrorismo più spietato a tutti gli uomini liberi e pacifici - ha dichiarato il presidente del Consiglio -. Mai nella storia dell'umanità si era visto tanto disprezzo nei confronti di civili inermi. Mai, in tempi di pace, una città era stata devastata da una così tremenda volontà omicida. Non sono stati colpiti solo gli USA, il paese al uale l'Italia è legata da una antica e fraterna amicizia, ma sono stati colpiti tutti i paesi liberi e democratici. La risposta della democrazia, di tutti gli uomini liberi del mondo è quella della solidarietà basata sui valori comuni della civiltà e del rispetto del diritto degli uomini.

L'Italia non può che essere solidale con gli USA, con il suo popolo e le sue istituzioni. E' solidale il popolo italiano, sono solidali tutte le forze politiche senza nessuna distinzione ideologica. Sappiamo che ci attende un futuro che metterà alla prova la nostra capacità di resistere alla barbarie, ma non abbiamo paura di affrontarlo. Le democrazie danno il meglio di se stesse, della loro capacità di resistenza proprio nei momenti di pericolo perché si fondano sul consenso dei loro cittadini. L'Italia è oggi al fianco degli USA, lo sarà sempre come lo e' stata in passato. Lo è oggi nel momento di dolore, lo sarà domani quando il popolo americano avrà superato questa tremenda prova dalla quale, ne siamo certi - ha concluso Berlusconi - uscirà rafforzata nei suoi valori e nella sua volontà di continuare nel cammino della civiltà e della democrazia." (Inform)


Vai a: