* INFORM *

INFORM - N. 154 - 31 luglio 2001

Firmata intesa Regione Toscana- Ministero Affari Esteri

Mostre e spettacoli dalla Toscana in tour per il mondo. Le produzioni toscane saranno presentate presso gli Istituti di cultura all’estero

firenze -Mostre, spettacoli, grandi eventi d’arte realizzati in Toscana diventeranno da oggi ambasciatori della cultura italiana nel mondo.

Grazie all’intesa Regione-Ministero affari esteri sottoscritta oggi a Palazzo Bastogi dall’assessore alla cultura Mariella Zoppi e dal direttore generale per la promozione e la cooperazione culturale del ministero ambasciatore Francesco Aloisi de Larderel un nutrito pacchetto di iniziative culturali prodotte nella nostra regione potranno infatti essere ‘esportate’ in tutti gli istituti di cultura italiana all’estero. Si creerà così, ed è il primo caso in Italia, un rapporto ‘strutturale’ tra Regione e ministero affari esteri per la diffusione nel mondo di eventi culturali. "Questo accordo – sottolinea l’assessore - apre nuove stimolanti, prospettive di diffusione per tante produzioni culturali toscane meritevoli di una ribalta internazionale. Inoltre permette alla nostra cultura di rafforzare il suo ruolo nel mondo: queste iniziative saranno veicolo promozionale della cultura toscana e italiana nei cinque continenti e consentiranno anche ai nostri connazionali emigrati di mantenere un legame culturale con la loro terra d’origine".

Articolata in cinque punti, la dichiarazione d’intenti Regione-Ministero prevede lo sviluppo di forti sinergie operative tra le istituzioni. Innanzitutto si stabilisce un canale informativo privilegiato sugli eventi programmati all’estero da Ministero e dagli istituti italiani di cultura e, dall’altra parte, sugli eventi culturali realizzati in Toscana che possano avere carattere di natura internazionale; inoltre, ed è questo il punto centrale, la Regione presenterà, in una serie di schede informative che saranno costrantemente aggiornate, le iniziative culturali che saranno prontamente disponibili; è di questo elenco che il Ministero potrà servirsi per le iniziative in programma nel mondo.

Nel testo dell’intesa si fa anche riferimento a quelli che potranno essere, da subito, i primi eventi ‘esportabili’: la mostra e il ciclo di conferenze ‘Giardini di Toscana’ (proprio oggi è stato presentato il volume realizzato dalla Regione in tre lingue nel quale vengono censiti e presentati i giardini di Toscana) e la mostra su ‘Le antiche navi di Pisa’. Inoltre, si prevede anche un primo evento in cui sperimentare l’intesa, ‘la settimana della lingua italiana nel mondo’, prevista tra il 15 e il 20 ottobre. In prospettiva, molti altri saranno gli eventi che potranno essere proposti nella rete degli Istituti italiani di cultura all’estero: è il caso delle mostre sui lavori della Torre di Pisa, sugli splendori etruschi di Volterra (‘L’ombra della sera’), su Giorgio Morandi (‘Morandi, the collector’s eye’), su Pinocchio, sull’emigrazione toscana nel mondo (‘Gente di Toscana’). Particolare attenzione verrà rivolta al settore degli scambi giovanili: con l’intesa si prevede di favorire il soggiorno all’estero di giovani artisti toscani, la realizzazione di mostre personali o collettive di giovani artisti toscani, l’ospitalità in toscana di giovani artisti stranieri, e la frequenza di master presso la scuola Normale Sant’Anna di Pisa di giovani di origine toscana residenti all’estero.

Infine, altro capitolo rilevante dell’intesa, la promozione di spettacoli realizzati in Toscana: si tratterà di spettacoli capaci di valorizzare la cultura e gli autori toscani. Anche in questo caso una attenzione speciale sarà rivolta ai gruppi teatrali giovanili che hanno partecipato all’iniziativa ‘Il debutto di Amleto’.

L’accordo prevederà infine anche la possibile circuitazione internazionale delle produzioni di opere liriche di compositori toscani come Puccini o Mascagni a cura del secondo Polo lirico toscano (Lucca, Pisa, Livorno, Festival Pucciniano), le tourneè dell’Orchestra regionale toscana e, ovviamente, del Maggio musicale fiorentino. (mo-Inform)


Vai a: