* INFORM *

INFORM - N. 152 - 27 luglio 2001

La "legge ordinaria" sul voto all'estero discussa alla Prima Commissione della Camera. Tremaglia auspica una rapida approvazione

ROMA - Alla Prima Commissione della Camera ( (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) è proseguito il 25 luglio l'esame in sede referente del progetto di "legge ordinaria" per l'operatività del voto all'estero. Alla proposta di legge Tremaglia (C.339), adottata come testo base, è abbinata la proposta Buttiglione C.380. E' intervenuto il ministro per gli Italiani nel mondo Mirko Tremaglia.

Il presidente della Commissione, on. Donato Bruno, ha ricordato che nella seduta del giorno precedente il relatore on. Soda (DS) aveva svolto la relazione.

L'on. Michele Saponara (FI) ha espresso l’orientamento favorevole del suo gruppo sulla proposta di legge di iniziativa dell'on. Tremaglia.

L'on. Riccardo Migliori (AN), dopo aver ringraziato il relatore per la sua relazione esaustiva, anche dal punto di vista della ricostruzione storica delle vicende riguardanti la questione del diritto di voto degli italiani all’estero, ha ricordato in particolare la convergenza delle forze politiche registrata nella passata legislatura, evidenziando il contributo determinante fornito dal suo gruppo. Ha sottolineato quindi la necessità di mantenere tale spirito unitario al fine di una rapida approvazione del provvedimento in esame.

L'on. Sergio Sabattini (DS) ha dichiara di concordare con il relatore, esprimendo l’auspicio che la Camera pervenga alla definitiva approvazione del testo prima della chiusura estiva dei lavori.

L'on. Enzo Bianco (Margherita) ha espresso un apprezzamento personale nei confronti del ministro per l’attività svolta con coerenza ed ostinazione nella precedente legislatura. Ha manifestato, quindi, soddisfazione nel registrare le condizioni per una rapida conclusione dell’iter della proposta di legge, alla cui approvazione non è stato possibile giungere nella precedente legislatura.

L'on. Sergio Sabattini (DS) è nuovamente intervenuto per invitare a valutare l’opportunità di istituire un Comitato permanente sugli italiani all’estero.

Il ministro Tremaglia, dopo aver ringraziato gli intervenuti e in particolare il relatore per aver sviluppato con puntualità gli aspetti fondamentali della proposta di legge, ha auspicato una rapida approvazione del provvedimento in esame. Ha quindi dichiarato di concordare sull’opportunità dell’istituzione di un Comitato permanente sugli italiani all’estero, anche per assicurare continuità di rapporti tra Parlamento e Governo a seguito della nomina di un ministro per gli Italiani nel mondo, rilevando tuttavia come la questione investa la competenza della Commissione Affari Esteri.

Concluso l’esame preliminare, la Commissione ha infinedeliberato di adottare come testo base la proposta di legge Tremaglia. (Inform)


Vai a: