* INFORM *

INFORM - N. 150 - 25 luglio 2001

Crescono le chances di Parma a sede dell’Autorità alimentare europea

PARMA - Crescono con la nuova presidenza belga dell’Unione Europea le chances di Parma a sede dell’Autorità alimentare europea. E’ quanto emerso nel corso di una riunione di coordinamento svoltasi a Palazzo Chigi e presieduta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, a cui hanno partecipato il ministro alla Sanità, Gerolamo Sirchia, il ministro alle Politiche comunitarie Rocco Buttiglione, il sottosegretario agli Affari Esteri, Roberto Antonione, il sottosegretario alle Politiche agricole, Paolo Scarpa e il sottosegretario al ministero dell’Industria, Giovanni Dell’Elce. Era inoltre presente una nutrita delegazione del Comitato promotore locale.

Il sottosegretario alla Presidenza Gianni Letta ha reso noto che il ministro degli Esteri Renato Ruggiero ha inviato nei giorni scorsi una lettera agli altri quattordici colleghi dell’Unione europea per sostenere la candidatura di Parma a sede dell’Autorità per la sicurezza alimentare, sottolineandone i criteri di funzionalità e operatività e rilevando che l’Italia, Paese fondatore della Comunità Europea, non ospita ancora rilevanti organismi comunitari

Il sottosegretario agli Esteri Antonione ha confermato che il Governo sosterrà nelle sedi opportune la candidatura di Parma, che acquista sempre maggiori possibilità di successo. Antonione si è detto perciò fiducioso che questa trattativa, non certo facile, vista la presenza di agguerriti concorrenti, possa trovare al più presto uno sbocco positivo. Il presidente della Provincia e coordinatore del Comitato promotore, Andrea Borri ha detto che il Governo belga si trova nelle condizioni ideali per rappresentare gli interessi di tutti. Siamo quindi soddisfatti - ha aggiunto - per la tempestività con cui l’attuale Governo ha affrontato la questione della candidatura e per il pieno sostegno al nostro lavoro

Siamo soddisfatti per il vertice di oggi: è stato positivo – ha confermato il sindaco di Parma e copresidente del Comitato, Elvio Ubaldi –. Abbiamo assicurato al Governo l’impegno ad eseguire tutti gli interventi necessari per garantire l’idoneità della nostra città alla candidatura italiana. (Inform)

Vai a: