* INFORM *

INFORM - N. 143 - 17 luglio 2001

"Chi sono e cosa pensano i musulmani che vivono tra noi"

ROMA - Roberto Gritti, docente di sociologia all’Università La Sapienza di Roma, e Magdi Allam, inviato speciale del quotidiano La Repubblica, sono gli autori del recente volume " Islam, Italia" edito dalla Guerini e Associati nel maggio di quest’anno. Obiettivo di questo libro è indagare il difficile mondo del dialogo interreligioso all’indomani dell’anno giubilare. "Lo sforzo è quello di avvicinarsi all’Islam italiano per come si manifesta nella realtà e non sulla base di principi, dottrine e testi sacri che possono essere male interpretati".

Dal volume si rileva come l’Islam, svincolato da una visione puramente dottrinaria, oggi viva nel nostro paese una dimensione equilibrata, disposta al dialogo e all’integrazione.

L’errore più diffuso è quello di vedere la religione di Maometto come una realtà monolitica, priva di sfumature. E invece si scopre che "i musulmani provengono da decine di paesi diversi, con una grande differenziazione di orientamenti religiosi, etnici, linguistici e di stili di vita".

Questa grande possibilità di confronto tra le culture è purtroppo ancora ostacolata da alcuni problemi non secondari quali le moschee, la scuola, lo statuto della donna.

Ma nonostante tutto gli autori ritengono che l’islam "lungi dall’essere una minaccia, rappresenti in realtà un significativo contributo al pluralismo e alla modernizzazione, sociale e istituzionale, del nostro paese". (Oliviero Forti – Inform)


Vai a: