* INFORM *

INFORM - N. 141 - 14 luglio 2001

Donne e bambini immigrati: l'assessore regionale veneto Zanon replica alle donne dell'Ulivo sul piano triennale

VENEZIA - "Ma le donne dell'Ulivo hanno letto davvero il Piano triennale sull'immigrazione? E conoscono, come sarebbe loro preciso dovere, i puntuali provvedimenti della Giunta regionale a favore di quelle figure - donne immigrate con figli minori, mediatori culturali - che esse sostengono a torto essere penalizzate dal centrodestra? Per smentire le dichiarazioni strumentali del coordinamento femminile dell'Ulivo cito due fatti per tutti: il primo: il 13 luglio la Giunta regionale ha deliberato, all'interno del Piano annuale per l'immigrazione, un miliardo per progetti pilota che si rivolgano specificamente alle problematiche delle donne immigrate con figli minori; il secondo : qualche settimana fa, è stato firmato un accordo di programma tra la Regione Veneto e Ministero (primo nel suo genere in Italia) che ha stanziato 4 miliardi e che prevede, tra l'altro, un potenziamento della funzione dei mediatori culturali nel Veneto".

Così, l'Assessore regionale ai flussi migratori Raffaele Zanon risponde alle critiche del coordinamento femminile dell'Ulivo sul piano triennale sull'immigrazione che trascurerebbe, a loro dire, donne e bambini immigrati e penalizzerebbe le figure dei mediatori culturali. "Niente di tutto questo. - rintuzza Zanon - Al contrario, ricordo alle signore dell'Ulivo che la Giunta regionale ha intenzione di potenziare gli interventi, dedicati e specifici, per le donne immigrate. Siamo infatti ben consapevoli che esse hanno problematiche di vita, di cultura e di inserimento specifico e particolare rispetto ai loro connazionali maschi. Queste polemiche sterili - aggiunge l'Assessore - portano solo confusione e non vanno certo a vantaggio di coloro dei quali ci si fa paladini. Un'ultima annotazione: le donne dell’Ulivo confondono - non so se per loro colpevole ignoranza o ad arte - il programma triennale per l'immigrazione e l'ordine del giorno sul piano triennale approvato dal Consiglio regionale. Sono due cose distinte". (Avn/Inform)


Vai a: