* INFORM *

INFORM - N. 139 - 12 luglio 2001

Sabato 14 luglio a Cà dei Carraresi, sotto l'egida di Unaie e Utrim - Sponsorizzazione della Fondazione Cassamarca

ATreviso Convegno FUSIE sull'informazione italiana nel mondo alla presenza del Ministro Tremaglia

TREVISO - Si svolgerà sabato 14 luglio mattina presso Cà dei Carraresi e con inizio alle ore 9.30 un Convegno sull'informazione italiana nel mondo indetto dalla Fusie, la Federazione della stampa italiana all'estero che raggruppa ben 180 testate.

All'incontro, che fungerà anche da dibattito precongressuale in vista dell'assise allargata che si terrà il giorno dopo presso l'Hotel Ramada di Mestre, parteciperà il neo Ministro per gli Italiani nel mondo on. Mirko Tremaglia. Presenti al tavolo dei lavori anche l'avv. on. Dino De Poli, presidente la Fondazione Cassamarca, che farà gli onori di casa e porterà la sua esperienza, e l'assessore regionale veneto per l'emigrazione Raffaele Zanon. Relazioni saranno svolte da Franco Narducci segretario generale della Cgie ("quale ruolo per gli italiani all'estero"), Bruno Zoratto presidente della prima commissione del Cgie ("informazione per chi vive all'estero") Vincenzo Basile direttore del Progresso Italo-Australiano, Laura Capuzzo ("il nuovo rapporto con gli italiani nel mondo") e Giangi Cretti, direttore de "La Rivista" (Svizzera).

C'è molta attesa a Treviso: sarà l'occasione per conoscere le linee programmatiche, anche in riferimento alle intenzioni dello Stato italiano rispetto alle annose problematiche del mondo emigratorio (voto, anagrafe, corsia preferenziale per i discendenti, ecc…). E sarà certamente sottolineata l'importanza della stampa italiana all'estero, espressione di una realtà variegata e diffusa, che garantisce il collegamento tra le nostre realtà nel mondo, la comunità nazionale e le comunità locali. Saranno presenti in forze alcuni esponenti della Trevisani nel Mondo e rappresentanti delle associazioni venete e trivenete.

Perché la scelta di Treviso? In quanto la manifestazione si avvale della collaborazione di Unaie e Utrim, due sigle associative, nazionale e triveneta, il cui presidente è Dino De Poli. Così dicasi per il contributo economico devoluto dalla Fondazione Cassamarca.

Questo consesso, a cui sono invitate le 180 testate aderenti alla Fusie, costituisce uno dei momenti più importanti per riflettere sulle problematiche dell'informazione: sia in uscita che in entrata. Un aspetto, quest'ultimo, ancora piuttosto trascurato soprattutto dal contesto dell'informazione italiana.

Riconoscimento all'on. De Poli per l'ennesima intuizione che ha reso realizzabile e altamente qualificata questa iniziativa: soddisfazione e postulati di buona riuscita espressi anche dal presidente dell'ATM Giuseppe Zanini. Il vicepresidente del Comitato permanente dei Veneti nel Mondo Franco Rebellato ha salutato con enfasi l'arrivo della Fusie a Treviso, "scelta come tribuna - ci ha detto - per celebrare questo convegno nel Nordest e specialmente nel Veneto, riconoscendo il fervore di questa gente e l'interesse per il mondo dell'emigrazione, espresso da numerose associazioni e da una realtà migratoria tra le più numerose nel mondo". (Riccardo Masini-Inform)


Vai a: