* INFORM *

INFORM - N. 134 - 7 luglio 2001

Svizzera - Critiche e consensi per il progetto della nuova legge degli stranieri

BERNA - Il disegno della nuova legge per gli stranieri, che sostituirà quella attualmente in vigore emanata nel 1931, è stato generalmente ben accolto nelle consultazioni terminate, pur suscitando critiche diametralmente opposte. Per alcuni, i criteri di scelta degli immigrati che verranno ammessi – soprattutto lavoratori qualificati – sono troppo restrittivi e addirittura discriminatori. I partiti di governo non intendono, tuttavia, rivedere questa posizione e hanno il sostegno delle associazioni degli industriali. All’estremo opposto, alcune organizzazioni criticano l’allargamento dei diritti degli immigrati che sono previsti dalla nuova legge, ad esempio, nell’ambito dei ricongiungimenti famigliari e dei permessi di soggiorno. L’obbiettivo della legge, però, è anche quello di superare un atteggiamento eccessivamente difensivo in ambito migratorio e di favorire l’integrazione.

Il Consiglio Federale prevede che il testo definitivo sarà pronto per l’autunno prossimo, ma intende aspettare la ratifica dell’accordo bilaterale sulla libera circolazione da parte di tutti i paesi dell’Unione Europea. D’ora in avanti, infatti, la legge degli stranieri riguarderà solo i cittadini non provenienti dall’UE. L’accordo sulla libera circolazione regolerà l’immigrazione delle persone dell’UE e sarà una parte fondamentale della futura politica migratoria svizzera. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: