* INFORM *

INFORM - N. 131 - 3 luglio 2001

Una "corsa controvento": Unione e Commissione Europea in tandem verso l’allargamento

BRUXELLES - E’ iniziato il semestre belga di Presidenza dell’Unione Europea. Il Presidente di turno Guy Verhofstadt, tra le prime iniziative, ha voluto incontrare i Membri della Commissione Europea per instaurare un clima di fiducia reciproca e di stretta collaborazione. Verhofstadt ha ricordato le crescenti aspettative riposte dai Paesi Membri nell’operato della Presidenza belga e l’enormità del mandato, soprattutto dopo l’eccellente lavoro della Presidenza svedese. E’, comunque, intenzione del Presidente belga accelerare l’integrazione europea tramite un programma sociale comune, una nuova agenda economica e un modello condiviso di libertà, sicurezza e giustizia. Tuttavia nodi centrali del semestre saranno la questione dell’allargamento, del ruolo dell’Unione nella comunità internazionale e le sue prospettive per il futuro.

Una collaborazione costruttiva con la Commissione Europea viene considerata da Verhofstadt imprescindibile, in special modo per quanto riguarda la questione dell’allargamento dell’Unione. In occasione della Conferenza informale di Gand dell’ottobre prossimo è stato auspicato un valido contributo da parte dei funzionari della Commissione impegnati nella redazione del "Rapporto strategico sull’allargamento", previsto per il mese di novembre. A Gand verrà anche presentata una pubblicazione di monitoraggio sul processo di allargamento, non solo da un punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo. Verhofstadt ha anticipato che in questa pubblicazione verranno esaminati, oltre ai risultati raggiunti dai Paesi Candidati nella trasposizione nella legislazione nazionale dei requisiti legislativi comunitari indispensabili, soprattutto le modalità tramite cui le varie amministrazioni e i vari sistemi giudiziari sono stati adattati o riformati.

Verhofstadt, per riconfermare l’importanza di una stretta collaborazione, ha chiuso il meeting con i Membri della Commissione Europea con una simpatica metafora, chiamando in causa Romano Prodi e la sua nota passione per il ciclismo: "Permetteteci di fare dell’espressione una corsa controvento, situazione che noi fiamminghi conosciamo bene, il tema della nostra collaborazione nel semestre che si apre". (Antonio Ricci–Inform)


Vai a: