* INFORM *

INFORM - N. 130 - 2 luglio 2001

De Mauro ha presentato alla "Dante" il libro di Serianni: "Una guida per conoscere la lingua italiana"

ROMA - "Questo libro è una guida completa per l’approfondimento della lingua italiana". Con queste parole Tullio De Mauro ha presentato in Palazzo Firenze, Sede centrale della Società Dante Alighieri, il volume di Luca Serianni, La lingua nella storia d’Italia, importante sforzo editoriale compiuto dalla "Dante" per la diffusione della lingua e della cultura italiane nel mondo.

"L’idioma – ha proseguito De Mauro – è da vedere come punto di convergenza dell’attività comunicativa della specie umana, costituita dalla conoscenza di sapere usare le parole. Certo la forza del tempo spesso è più forte dei nostri consolidati assetti linguistici, perciò molte cose oggi stanno cambiando, ma, come disse Giosuè Carducci in un momento di rabbia poetica: ‘Gli intellettuali italiani non hanno mai smesso di guardarsi la lingua’. Questa affermazione dimostra l’importanza che da sempre riveste la lingua nel nostro Paese".

Dopo aver sottolineato come l’opera sia stata realizzata soprattutto grazie all’impegno di artisti per la maggior parte giovani, l’ex Ministro della Pubblica Istruzione ha definito il libro di Serianni "un’importante guida per i Comitati della ‘Dante’ presenti all’estero per chi desideri intraprendere un cammino di approfondimento della lingua italiana".

L’Ambasciatore Bruno Bottai, Presidente della Società Dante Alighieri, ha sottolineato come "nonostante le molteplici e diverse attività svolte, la lingua e la sua storia restano il primo e fondamentale impegno della Società che porta il nome del sommo poeta toscano".

Breve ma sentito l’intervento conclusivo del curatore dell’opera, Luca Serianni, ordinario di Storia della Lingua Italiana presso la facoltà di Lettere dell’Università "La Sapienza di Roma" e Presidente del PLIDA (Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri), il quale ha messo in evidenza "la pervasività del libro, ossia la capacità di occupare non soltanto gli spazi collegati direttamente alla lingua, come l’ortografia, ma anche quelli riservati al rapporto tra lingua e società o a quello tra lingua e altri aspetti culturali ed extraculturali".

"La lingua nella storia d’Italia" ambisce a coinvolgere un pubblico ragionevolmente largo, interessato a temi che hanno rilievo non solo per la lingua e la letteratura ma per la storia del nostro Paese e per l’autocoscienza culturale della società italiana.

Con quest’opera la Società Dante Alighieri prosegue nel suo impegnativo compito di raccontare al mondo l’affascinante personalità dell’Italia attraverso l’analisi dei diversi aspetti che la caratterizzano, dalla musica alle arti figurative, fino al meraviglioso tema dell’idioma.

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Società Dante Alighieri, che ha realizzato il volume e che dal 1889 opera nel mondo con oltre 500 Comitati per la promozione e per la diffusione della lingua e della cultura italiane. (Inform)


Vai a: