* INFORM *

INFORM - N. 126 - 26 giugno 2001

Immigrazione in Veneto - Zanon incontra i Segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil

VENEZIA – Niente stravolgimenti al piano triennale in materia di immigrazione, che è all'esame del Consiglio regionale. E' questa la posizione espressa dai segretari regionali di CGIL, CISL e UIL all'assessore veneto ai flussi migratori Raffaele Zanon nel corso di un incontro svoltosi il 25 giugno a Mestre. A sostegno le organizzazioni sindacali hanno annunciato di aver previsto, in occasione della ripresa del dibattito, un presidio davanti alla sede dell'assemblea legislativa del Veneto. Da parte sua l'assessore Zanon ha confermato che il piano presentato rappresenta il risultato di un percorso ampio che ha tenuto conto del contributo di tutte le parti coinvolte nel tavolo unico di coordinamento a livello regionale.

Le linee di fondo del piano triennale - ha aggiunto Zanon - si ritrovano anche nell'Accordo di programma sull’immigrazione che la Regione del Veneto ha sottoscritto il 15 giugno scorso con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e che prevede la realizzazione di un progetto pilota sperimentale con interventi per complessivi 4 miliardi (di cui uno a carico della Regione e 3 a carico dello Stato che vanno ad aggiungersi ai 12 miliardi e mezzo collegati al piano triennale). Questo accordo e il piano triennale - ha concluso Zanon - cercano di impostare un modello di governo dei flussi migratori nel Veneto, con particolare attenzione ai bisogni di manodopera del sistema produttivo. Proprio in connessione a questo tema, i segretari regionali di CGIL, CISL e UIL hanno chiesto di affrontare quanto prima il problema abitativo in incontri specifici. (Inform)


Vai a: