* INFORM *

INFORM - N. 115 - 12 giugno 2001

Importante vittoria dell’Epasa per l’affermazione dei diritti previdenziali

ROMA - Il Tribunale Civile di Roma, quarta Sezione Lavoro, ha pronunciato, nell’udienza del 5 febbraio scorso, un dispositivo che dichiara il diritto, sostenuto dall’Epasa, di un assistito a veder ricalcolata la sua pensione di anzianità, in ottemperanza a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia Europea con la sentenza n. 138/98 condannando l’Inps al pagamento degli arretrati dalla decorrenza della pensione, e le spese legali.

Lo svolgimento del processo si innestava nella richiesta dell’Epasa di ottenere il riconoscimento, nei confronti dell’Inps, del diritto di un proprio assistito ad un pro-rata di pensione calcolato sulla pensione virtuale integrata al trattamento minimo.

A sostegno della domanda si deduceva quanto disposto dall’articolo 46, paragrafo 2, lettera a, del Regolamento CEE n. 1408/71.

Il Tribunale ha ritenuto la domanda fondata accogliendo la quantificazione proposta dall’Epasa. I motivi della decisione si basano sul principio, secondo cui la normativa comunitaria entra e permane in vigore nel territorio dello Stato italiano, senza che i suoi effetti possano essere intaccati dalla legge ordinaria dello Stato, non solo per la disciplina prodotta dagli organi della UE, mediante regolamento, ma anche per le situazioni risultanti da sentenze interpretative della Corte di giustizia.

Riunione del Coordinamento nazionale Epasa Germania

Una delegazione dell’Epasa Nazionale partecipa nei giorni 11-12-13 giugno alle riunioni del Coordinamento dell’Epasa Germania nelle sedi di Mannheim e Colonia. All’ordine del giorno vari punti, tra cui la disamina delle questioni riguardanti la riorganizzazione degli uffici, alla luce delle nuove disposizioni previste dalla legge di riforma 1152/2001, e le nuove attività all’estero.

Negli stessi giorni sono previsti degli incontri della delegazione Epasa con i responsabili degli uffici consolari per affrontare le tematiche della condizione degli italiani in quelle aree e l’eventuale attività di supporto dei patronati. (Inform)


Vai a: