* INFORM *

INFORM - N. 112 - 8 giugno 2001

Grazie alla "Dante Alighieri" in Venezuela è sempre più diffusa e apprezzata la lingua italiana

ROMA - Continua in maniera intensa e meritoria l’attività di diffusione della lingua e della cultura italiane ad opera del Comitato venezuelano della Società Dante Alighieri, presente nella capitale del Paese, Maracay, e presieduto dalla prof..ssa Margherita Cavani. Dopo il rilevante aumento dei corsi della nostra lingua, nella facoltà di Giurisprudenza dell’Università Bicentenaria di Aragua questa volta la "Dante" è riuscita nientemeno che ad imporre l’italiano e sta tentando di farlo anche nelle altre facoltà dell’Istituto, dove attualmente vige solo l’obbligo della lingua inglese.

La "Dante Alighieri" di Maracay, inoltre, ha firmato un accordo con la Camera Venezuelana dell’Industria e Commercio di Aragua per impartire lezioni di lingua italiana ai dipendenti dell’industria locale che hanno relazioni di lavoro con l’Italia. La prof.ssa Margherita Cavani, infine, ha sottolineato con orgoglio in una lettera come "non ci sia persona in Aragua ed in tutta la zona centrale del Venezuela, grazie al lavoro costante e silenzioso della Società Dante Alighieri, che non conosca e che non sappia chi sia Dante Alighieri, come uomo e come immenso poeta, e cosa sia la Dante come Istituzione operante in tutto il mondo per la promozione della cultura italiana".

Un ottimo risultato, quindi, quello ottenuto dalla "Dante Alighieri" in Venezuela. Un risultato che fa eco a quelli riscontrati negli altri Paesi del mondo dove la Società, grazie all'attività di oltre 500 Comitati, diffonde con passione da più di 100 anni la lingua e la cultura del nostro Paese. (Inform)


Vai a: