* INFORM *

INFORM - N. 112 - 8 giugno 2001

Con i sorteggi non più file al Consolato Generale d'Italia a Buenos Aires

Negro (CGIE):Un esperimento da estendere a tutta l'America Latina

LA PLATA - Giuseppe Luigi Negro, membro del Comitato di presidenza del CGIE, ha chiesto al Direttore generale per gli Italiani all'estero della Farnesina, ministro Carlo Marsili, di estendere a tutti i Consolati dell'America Latina che si trovino in situazione di emergenza per il rilascio e rinnovo dei passaporti, il metodo dei cosiddetti "sorteggi" adottato in via sperimentale a Buenos Aires per evitare le file davanti al Consolato.

Estensione che, come ha confermato il ministro Marsili nel corso di una conferenza stampa dedicata alle "emergenze estive" (ne riferiamo in questo stesso numero), non potrà essere immediata dato che la sperimentazione è partita solo da qualche settimana ed è quindi in fase di valutazione, ma che non va esclusa, considerate le reazioni finora tutte positive all'iniziativa.

"Signor Ministro - scrive Negro -, La ringrazio di cuore, a nome di tutta la collettività italiana in Argentina, del Suo sollecito interessamento, come mi aveva promesso nel Comitato di presidenza, per risolvere il grave problema delle lunghe file che i nostri connazionali dovevano fare davanti ai Consolati per le pratiche di cittadinanza o per ottenere il passaporto.

"Ieri, mercoledì 6 giugno, su invito del Ministro Vincenzo Palladino, Console di Buenos Aires, ho assistito al sorteggio di 200 turni che viene effettuato tutti i mercoledì con grande ordine e comprensione della collettività.

"Parlando con il Ministro Palladino, ho visto in lui una grande soddisfazione e la certezza che con questo sistema saranno eliminate definitivamente le lunghe file davanti ai Consolati. Credo che sarebbe opportuno, dopo aver comprovato che il metodo impiegato funziona, che esso venga messo in atto in tutti i Consolati dell’America Latina che affrontano lo stesso problema". (Inform)


Vai a: