* INFORM *

INFORM - N. 111 - 7 giugno 2001

Fondazione Marzio Tremaglia - I vincitori del Premio Italiani nel Mondo

ROMA - "Valorizzare adeguatamente, attraverso riconoscimenti e premi internazionali, gli italiani all’estero che onorano il nostro Paese con i propri successi esaltando, Continente per Continente, il migliore italiano nel campo della cultura, dell’arte, della scienza, della ricerca, della produzione, della professione, e anche quanti ricoprono responsabilità nelle Pubbliche Amministrazioni, nei Parlamenti e nei Governi degli Stati che li ospitano": a questo, che figura tra gli scopi della Fondazione Marzio Tremaglia, si è dato attuazione con la consegna, per la prima volta, del "Premio Italiani nel Mondo".

La cerimonia ha avuto luogo domenica 3 giugno al Vittoriano, presente l'on. Mirko Tremaglia e la consorte, in occasione dell'evento televisivo "Italiani" posto sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Premiati Anacleto Angelini (Cile) e Franco Belgiorno Nettis (Australia), tra i maggiori imprenditori dei due paesi; Julian Fantino, capo della polizia a Toronto (Canada); Rodolfo Magni, fondatore di un grande gruppo tessile in Sud Africa; Mariuccia Zerilli Marimò, responsabile della Casa degli Studi Italiani della New York University; Enza Tancredi e Nicola De Rosa della Casa dei bambini italiani all'estero (USA), fondata a New York da Armando Tancredi, recentemente scomparso. Unico assente Anacleto Angelini, per il quale il premio (una scultura e la medaglia d'argento del Presidente della Repubblica) è stato ritirato dal nipote Roberto Angelini.

"Abbiamo costituito la Fondazione per far vivere Marzio, e all'Altra Italia dico credete ancora in noi…", ha detto l'on. Tremaglia prendendo la parola nel corso della cerimonia. (Inform)


Vai a: