* INFORM *

INFORM - N. 104 - 29 maggio 2001

Firmata in Campidoglio la convenzione tra la Società Dante Alighieri e l’Unione Latina: i contenuti dell'intesa

ROMA - Alla presenza del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in occasione del Giorno della Latinità, il 28 maggio è stata firmata in Campidoglio la convenzione tra l’Unione Latina e la Società Dante Alighieri, che da più di cento anni opera per la diffusione e la promozione della lingua e della cultura italiane in tutto il mondo. Questi i contenuti dell'accordo.

Premesso che entrambe le Istituzioni fondano le loro origini nella diffusione e difesa dei valori della civiltà latina; che l’Unione Latina svolge attività linguistica e culturale in numerose aree geografiche internazionali di lingua ufficiale o nazionale appartenente alla famiglia delle lingue neolatine; che la Società Dante Alighieri, Ente Morale di antica tradizione, svolge istituzionalmente opera di diffusione della lingua e cultura italiane in Italia e all’estero per mezzo di 460 Comitati, le parti concordano (art. 1) di svolgere un programma di attività comuni basato sullo scambio reciproco di informazioni sulle rispettive attività internazionali nel campo linguistico e di diffusione culturale; si impegnano (art. 2) a collaborare, attraverso i rispettivi uffici e Comitati, nelle diverse aree geografiche di competenza per l’istituzione di corsi di lingua italiana e la creazione di biblioteche e fondi bibliografici di comune interesse.

La Società Dante Alighieri, attraverso i propri Comitati in Italia e nel mondo, favorirà (art. 3) la conoscenza delle attività e delle iniziative dell’Unione Latina. Reciprocamente l’Unione Latina favorirà e appoggerà le iniziative della Società Dante Alighieri nei Paesi ove essa dispone di uffici periferici, mentre l’Unione Latina favorirà (art. 4) la costituzione di Comitati della Società Dante Alighieri nei Paesi ove essa non sia ancora presente e collaborerà all’attuazione, ove possibile, dei programmi del PLIDA (Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri).

Inoltre la Società Dante Alighieri appoggerà (art. 5), nei limiti delle circostanze, la celebrazione del Giorno della Latinità che dovrà celebrarsi ogni anno in ognuno dei Paesi membri dell’Unione Latina. Giorno della Latinità è stato dichiarato dai 35 Stati membri il 15 maggio durante il XIX congresso dell’Unione Latina svoltosi a Parigi il 13 e 14 dicembre dello scorso anno.

Infine, ciascuna delle due Istituzioni (art. 6) designa a Roma e Parigi, sotto la responsabilità del Segretario Generale dell’Unione Latina e del Presidente della Società Dante Alighieri, un interlocutore responsabile degli impegni assunti attraverso questa convenzione. Le Istituzioni incaricano gli Uffici dell’Unione Latina e le Sedi della Società Dante Alighieri degli Stati membri dell’Unione Latina a stabilire sul posto i legami necessari per rendere applicabile tale convenzione. (Inform)


Vai a: