* INFORM *

INFORM - N. 94 - 15 maggio 2001

Un gruppo di lavoro in Alpe Adria per i contatti con l'Unione Europea

VENEZIA - Il Gruppo di lavoro "Contatti con L’Unione Europea" è destinato ad avere un ruolo strategico nella Comunità di lavoro Alpe Adria, che riunisce 17 tra Regioni, Laender e Repubbliche di Italia, Austria, Ungheria, Croazia, Slovenia, Germania e Svizzera. A Venezia il "Gruppo" di nuova istituzione ha tenuto il 15 maggio la sua prima riunione all’Istituto veneto di scienze, lettere ed arti e, percorrendo la linea programmatica indicata dal presidente della Regione Veneto Giancarlo Galan, nel novembre scorso al momento del suo insediamento come presidente di turno di Alpe Adria per il biennio 2001-2002, ha preso in esame una serie di questioni legate all’allargamento dell’Unione Europea. Proprio in questo allargamento infatti Alpe Adria trova una sua nuova motivazione rispetto al passato: un tempo è servita come ponte per instaurare un dialogo tra regioni di stati appartenenti a sistemi politici ed economici diversi; ora intende porsi come ponte per accompagnare nella Ue gli stati dell’Europa centrale ed orientale che vi si accingono ad entrare. L’allargamento interessa particolarmente in questo momento tre stati: l’Ungheria, la Slovenia e la Croazia.

Si è parlato perciò durante l’incontro, che è stato introdotto dal presidente della Commissione Dirigenti, il dott. Adriano Rasi Caldogno segretario generale della Regione Veneto, del ruolo di promozione di Alpe Adria presso la Ue e della sua azione verso i paesi non membri, della verifica sulle possibilità di accesso ai fondi comunitari e sulle opportunità offerte dal fondo Ispa per i paesi in pre-adesione. Oltre al monitoraggio delle iniziative possibili, è stata offerta la disponibilità di fruire della sede della Regione del Veneto a Bruxelles per attingere informazioni e fare azioni di lobbing a favore dell’area di Alpe Adria sia verso il Comitato delle regioni, sia verso gli uffici della Commissione europea che si occupano di fondi strutturali e dell’allargamento ad est dell’Unione. (Inform)


Vai a: