* INFORM *

INFORM - N. 88 - 8 maggio 2001

Risposta al Ministro del Lavoro Cesare Salvi alla lettera aperta dei Sindacati dei pensionati

ROMA - "Le richiesta dei sindacati dei pensionati Cgil, Cisl e Uil sul futuro dei sistema pensionistico italiano sono condivisibili e devono trovare risposte adeguate. Noi non facciamo promesse mirabolanti e illusorie. Per noi parlano i fatti, le scelte di questi cinque anni, dal risanamento della finanza pubblica alle misure per assicurare condizioni migliori per i pensionati in situazione di maggiore indigenza. Siamo convinti che la riforma del ’95 stia dando risultati positivi per l’equilibrio dei conti previdenziali. Dobbiamo proseguire il percorso consolidando il sistema pubblico e facendo decollare la previdenza integrativa, senza la quale sarà difficile garantire pensioni adeguate alle giovani generazioni".

Così ha risposto il ministro del Lavoro, Cesare Salvi, alla "lettera aperta" dei sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil.

"I Governi di centrosinistra hanno operato in questi cinque anni per aumentare le pensioni sociali e quelle integrate al minimo - ha proseguito Salvi - , nella convinzione che debba esser riconosciuto ai soggetti più poveri il diritto ad avere un diritto disponibile in grado di assicurare una vita dignitosa. Con la finanziaria di quest’anno abbiamo introdotto delle misure che tendono a questo scopo.

"Abbiamo ben chiaro, come centrosinistra, che cosa fare subito dopo il 13 maggio: difendere il sistema pubblico e attivare politiche sociali in grado di ridurre la solitudine e le sofferenze degli anziani, in particolare di quelli non più autosufficienti. Un problema che si può risolvere fornendo una rete di servizi sociali efficienti e radicati nei diversi territori, con l’obiettivo fondamentale di aiutare in modo significativo le famiglie, per evitare che glia anziani siano costretti a trascorrere in luoghi separati gli anni difficili.

"La progressiva liberazione di risorse garantita dal risanamento e dalla crescita - ha concluso il ministro Salvi - dovrà avere come primo obiettivo l’ulteriore miglioramento delle condizioni dei pensionati". (Inform)


Vai a: