* INFORM *

INFORM - N. 81 - 26 aprile 2001

L'Ital-Uil di Berlino invita alla manifestazione del Primo Maggio

Gli italiani di Berlino scendono in piazza con i loro colleghi tedeschi al motto di: Il futuro ha bisogno di idee. Anche di quelle straniere. Vince la compartecipazione.

BERLINO - Il Patronato Ital-Uil di Berlino sostiene l’appello del DGB. La democrazia non può finire davanti ai portoni delle imprese. È ormai necessaria una nuova legge sui Consigli di fabbrica, che garantisca più diritti e migliori condizioni di lavoro.

Per noi - è detto in un comunicato - è particolarmente importante: a seguito della nuova legislazione i Consigli di fabbrica devono ottenere la possibilità di fare di più contro la xenofobia nelle imprese. Chiediamo al governo rosso-verde di tutelare saldamente i diritti dei lavoratori stranieri. Il razzismo non è, neanche nelle ditte, un delitto d’onore.

Il Consiglio di fabbrica deve avere il diritto e il dovere di intervenire attivamente se i colleghi stranieri sono vittima di discriminazioni o se si individuano nell'azienda soggetti di estrema destra. La lotta contro la xenofobia non può essere, neanche nelle imprese, solo una questione di belle parole.

In generale: il lavoro è il miglior strumento per l’integrazione. La disoccupazione tra gli stranieri e in particolare tra gli italiani (16%) è altissima. Ancora troppo pochi giovani stranieri ricevono un posto di formazione professionale. Noi del Patronato Ital-Uil sosteniamo che i giovani stranieri non sono un peso, sono una risorsa. Investimenti nella loro formazione e riqualificazione sono una potenzialità per tutto il paese.

Per i colleghi stranieri vale lo stesso che per i colleghi tedeschi: nessuno pretende il diritto ad essere pigro. Noi tutti vogliamo il diritto di lavorare e di qualificarci!

Inizio della manifestazione: ore 10 presso la sede nazionale del DGB (Inform)


Vai a: