* INFORM *

INFORM - N. 79 - 23 aprile 2001

Riunione del Comites di Maracaibo: insufficienti i contributi per il 2001

MARACAIBO - Il giorno 7 aprile si è riunita l’assemblea del Comites di Maracaibo con la partecipazione del Cancelliere Contabile del locale Consolato d’Italia Maria Gloria Baravoglia.

Letto ed approvato il verbale della riunione del 20 gennaio, la Presidente Di Marco ha proceduto con l’informazione delle spese in acconto alla fideiussione bancaria di circa 3.500 dollari e della richiesta del decreto di ammortamento, alle competenti autorità giudiziarie italiane, dell’assegno dei contributi per il funzionamento del Comites per l’anno 2000, consegnato al Banco Occiedental de Descuento di Maracaibo e da questo andato smarrito che, per disposizione della Direzione Generale per gli Italiani all'Estero del Ministero degli Affari Esteri, doveva essere promossa dal rappresentante legale del Comites e quindi dalla sua persona. La richiesta, trasmessale in Italia dal Console di Marcacaibo per il seguito di competenza, in occasione della riunione del Consiglio Generale conclusosi il 2 marzo, le è stato possibile depositarla solo il 23 marzo presso il Tribunale di L’Aquila. Tanto è stato il tempo necessario per l’acquisizione, dal Venezuela, di tutti gli atti relativi alla vicenda. Per la emissione di un nuovo assegno o di un bonifico, al decreto di ammortamento dovrà far seguito il certificato di non interposta opposizione e, quindi, la sua pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale.

Si è presa visione del decreto ministeriale relativo alla concessione di un contributo integrativo di lire 7.804.740 con l’auspicio di un suo immediato pagamento, la fideiussione bancaria, così come certificato dalla Presidente con la registrazione contabile, è in via di esaurimento.

Sono state analizzate la scheda raffronto contributi 2000-2001 e la ipotesi contributi Comites 2001 acquisite nella riunione della Commissione Continentale del 26 febbraio del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, dalla Presidente Di Marco, nella sua funzione di Consigliere. L’assemblea ha così preso atto, con costernazione, del parere espresso dal Console di Maracaibo Dr La Badessa, e approvato dal Ministero degli Esteri, relativo al contributo per il suo funzionamento, per il corrente esercizio finanziario, di lire 30 milioni pari al 79,36% di quello approvato per l’anno 2000 /Lire 37.804.740) peraltro, come notificato alle autorità competenti, largamente insufficiente come dimostrano le conseguenti e attuali disfunzioni funzionali del Comitato.

Si è delineato il Piano Paese del 2002 a scongiurare il ripetersi l’esclusione, d’ufficio, del Comites di Maracaibo dalla sua programmazione.

Si è riferita la riunione di una sua rappresentanza costituita dalla Presidente Di Marco, dalla Vicepresidente Picariello Emilia e dai membri dell’esecutivo Cisiano Gilberto e D’Agostini Pietro, con i rappresentanti di tutte le Associazioni, nella sede consolare, alla presenza del Console La Badessa, per la definizione del programma celebrativo del 2 giugno, giorno dell’anniversario della Repubblica Italiana e, a conclusione, all’unanimità si è approvato il comunicato che segue alle autorità in indirizzo. (La Presidente Fedora Di Marco)

____________

Al Console d’Italia Dr. Ferdinando La Badessa - Maracaibo

E, per conoscenza, al Direttore Generale Ministro Marsili - Ministero Affari Esteri - Roma

Il COMITES di Maracaibo,

presa visione Della Scheda-Raffronto 2000-2001, a cura di codesto Ministero, dei contributi disposti per il suo funzionamento di L 30.000.000;

ritenendoli insufficienti ad assicurarne la funzionalità dei servizi, (ri)chiede di voler approvare il contributo richiesto in sede di Bilancio Preventivo.

Qualora tale richiesta non fosse accolta informa che, suo malgrado, fermo restante il contributo già ipotizzato per il 2001;

ritenendo oggettivamente insostenibile il malessere e il disagio economico e sociale di cui é fonte lo sforzo per il suo funzionamento;

ottemperando alla vincolante clausola del contratto d’affitto che ne impone la disdetta 3 mesi prima della scadenza (23/12/2001);

entro il mese di agosto procederà alla sua revoca. La consegna della sede al suo titolare e quella dei beni mobili, acquistati con i contributi ministeriali e debitamente invariati, alla S.V., avranno luogo entro il mese di dicembre.

Sottolineando l’amaro disagio di questa decisione e la delusione per la vanificazione del generoso impegno di tutti i membri e dei collaboratori di questa istituzione, in questa sede ci è gradito ringraziare la DIGIT del MAE per la boccata di ossigeno del contributo straordinario concessoci, che ci auguriamo arrivi con sollecitudine, la fideiussione bancaria è in via di esaurimento e che è una ammissione della insufficienza dei contributi concessi per il 2000.

A nome del Comites e mio personale ringrazio per la cortese attenzione.

(La Presidente del Comites di Maracaibo Fedora Di Marco)


Vai a: