* INFORM *

INFORM - N. 74 - 12 aprile 2001

Dini: per la questione di Radio Vaticana successo della linea negoziale

ROMA - "Vivo compiacimento per le decisioni del Consiglio dei Ministri sulle emissioni di onde elettromagnetiche di Radio Vaticana" è stato espresso dal Ministro degli Esteri, Lamberto Dini, rientrato in tarda serata dalla riunione ministeriale del Gruppo di Contatto sui Balcani tenutasi a Parigi.

"Alla necessità imprescindibile di applicare la legge italiana" – ha proseguito il Ministro Dini – "si è accompagnata la considerazione, dettata dall’esigenza di rispettare il quadro giuridico internazionale dei rapporti tra Italia e Santa Sede, di procedere attraverso il dialogo per individuare soluzioni consensuali: è questa del resto la linea alla quale sin dall’inizio si è attenuta la Farnesina".

"Il successo della riunione della Commissione bilaterale italo-vaticana di martedì scorso - svoltasi subito dopo l’incontro del Presidente del Consiglio con i Ministri degli Esteri e dell’Ambiente - che aveva portato la Santa Sede ad assumere in via unilaterale l’impegno al rispetto dei limiti italiani a partire da lunedì 16 aprile prossimo", ha proseguito Dini, "aveva confermato la già manifestata disponibilità vaticana ad adempiere sollecitamente alle norme che regolano la delicata materia delle emissioni, testimoniando la validità del metodo del negoziato bilaterale, unico applicabile nei rapporti tra gli Stati".

"E’ importante", ha concluso il Ministro, "che il Consiglio dei Ministri nel suo insieme abbia ora condiviso tale impostazione, e abbia stabilito il limite massimo del 30 aprile entro il quale l’emittente dovrà rientrare definitivamente nei limiti previsti dalla legge italiana". (Inform)


Vai a: