* INFORM *

INFORM - N. 70 - 7 aprile 2001

In Europa aumenta la tolleranza ma anche la paura verso le minoranze

BRUXELLES - Un’inchiesta realizzata dall’Ufficio europeo per il controllo del razzismo e della xenofobia (EUMC) mostra un’immagine contraddittoria dell’atteggiamento dei cittadini europei nei confronti degli immigrati e delle minoranze. Da una parte cresce l’accettazione e la tolleranza, ma dall’altra aumenta anche la paura di conflitti sociali. Il 14% degli intervistati si dimostra chiaramente xenofobo, mentre il 21% afferma di impegnarsi attivamente per la tolleranza. Tra questi estremi si trovano coloro che si definiscono passivamente tolleranti (39%) e coloro che hanno atteggiamenti oscillanti (25%). Proprio quest’ultimo gruppo, che, da una parte, stima la varietà culturale portata dalle minoranze, ma dall’altra, ha paura della concorrenza degli stranieri sul mercato del lavoro, può essere influenzato positivamente o negativamente dal tipo di politica che viene portata avanti dai governi.

Tra il 1997 e il 2000 è cresciuto sia il numero di coloro che considerano le minoranze un arricchimento (dal 33 al 48%) sia quello di coloro che vedono in esse un motivo di insicurezza (dal 37 al 42%). Immutata è la percentuale degli intervistati (20%) che ritengono necessario da parte delle minoranze la completa assimilazione alla cultura maggioritaria. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: