* INFORM *

INFORM - N. 69 - 5 aprile 2001

RASSEGNA STAMPA

Corriere della Sera, 5.4.2001

Incontro con Ciampi. De la Rua a Roma: "Batteremo così la crisi argentina"

ROMA - Anche se dei ministri del Tesoro e dell’Industria del governo che nascerà dopo le elezioni del 13 maggio si ignorano i nomi, c’è già un appuntamento da segnare nelle loro agende. Tra le prime visite in Italia della prossima stagione politica ci sarà quella di Domingo Cavallo, l’uomo richiamato in servizio dall’Argentina come ministro dell’Economia per salvare il cambio fisso tra peso e dollaro dopo aver domato nel 1991 un’inflazione al tremila per cento. Del suo arrivo si parla tra i diplomatici in questi giorni, mentre si trova a Roma il presidente argentino Fernando de la Rua.

Ieri il capo dello Stato venuto da Buenos Aires è intervenuto a una conferenza all’università Gregoriana ed è stato da Ciampi nella tenuta di Castelporziano per una colazione senza collaboratori. A tavola c’erano soltanto i due presidenti e le rispettive mogli. Per il padrone di casa era un modo per dare un seguito cordiale, svincolato da certe rigidità delle occasioni pubbliche, ai colloqui politici avuti con de la Rua durante la recente visita in Argentina. Per questa nazione con una forte presenza di cittadini di origine italiana, il nostro Paese è tra gli interlocutori principali dopo Stati Uniti e Spagna. Sempre a colazione, ma a Villa Madama, il ministro degli Esteri Adalberto Rodriguez Giavarini è stato ricevuto da Lamberto Dini e gli ha esposto la linea adottata per cercare di risanare l’economia. De la Rua ha visto anche il presidente onorario della Fiat Gianni Agnelli.

Abituato a incontri frequenti con i rappresentanti italiani della sua famiglia politica, il centro-sinistra, il presidente argentino ha avuto poi un colloquio con Francesco Rutelli, il quale, invitato a Buonos Aires, ha detto: "Ci andrò da primo ministro". (m.ca.)


Vai a: