* INFORM *

INFORM - N. 68 - 4 aprile 2001

Riunito il 29 marzo il Comites di Algeri

ALGERI - Su convocazione del presidente Franco Santellocco, il 29 marzo scorso si è riunito ad Algeri il locale Comites, La riunione è stata allargata sia alla rappresentanza istituzionale che all’associazionismo presente in Algeria. All'ordine del giorno, in particolare, gli esiti dell'Intercomites di Tunisi del precedente 23 marzo, la riunione continentale Europa-Nord Africa in programma ad Algeri dal 31 maggio al 2 giugno di quest'anno e la questione dell'esercizio del diritto di voto.

Il Presidente Santellocco nel porgere il benvenuto, ha espresso apprezzamento per l'impegno profuso, anche in termini di presenze (totalità dell'associazionismo e 11 membri su 12 del Comites) ed ha riferito sulla recente missione a Tunisi, della quale è stato approvato il verbale.

Circa la riunione continentale Europa-Nord Africa, è stata ribadita viva soddisfazione per questa scelta che vedrà presenti ad Algeri i delegati di nove Paesi europei e, auspicabilmente, i rappresentanti delle comunità italiane di altri otto Paesi dell'Africa. E’ stato costituito un comitato di signore che si occuperanno di gestire un "programma alternativo" di carattere culturale per le accompagnatrici dei delegati, mentre i responsabili delle imprese operanti in Algeria si sono detti disponibili a fornire il loro supporto.

Quanto all’esercizio del diritto di voto, è stato ribadito - oltre al disappunto - il forte apprezzamento per l’impegno personale dell’on. Tremaglia.

I partecipanti alla riunione hanno poi illustrato episodi e "disfunzioni" lamentando una eccessiva rigidità nel rilascio dei visti, con una ricaduta negativa sui rapporti commerciali dei nostri operatori. La rappresentante dell'Amministrazione, dott.ssa Trabalza, ha fornito ampie delucidazioni sulla normativa derivante dal "sistema Schengen". (la delicatezza della materia è meglio rappresentata dalle 2.263 espulsioni di algerini dall’Italia effettuate lo scorso anno). La disponibilità d’Ufficio della dott.ssa Trabalza è apparsa, in questa fase, rassicurante e soddisfacente: la verifica delle rispettive posizioni è stata comunque rinviata ad una successiva riunione.

Sono stati infine trattati alcuni casi singoli attinenti le questioni dell'assistenza e del recupero della nazionalità italiana, questioni sulle quali è emerso l'impegno della nostra Ambasciata ad Algeri. (Inform)


Vai a: