* INFORM *

INFORM - N. 66 - 2 aprile 2001

Una lettera di Nando Dalla Chiesa

Intimidazioni a Massimo Pillera, giornalista italiano in Svizzera

Massimo Pillera, mio stretto collaboratore nel Dipartimento Sicurezza dei Democratici, è stato avvicinato con toni intimidatori nei giorni scorsi da esponenti del Polo della città di Trani, di cui egli è originario e in cui torna spesso a svolgere iniziative politiche sui temi della legalità e della lotta alla criminalità.

In particolare Massimo Pillera è stato accusato di preparare per le prossime settimane la presentazione a Trani del noto libro di Travaglio e Veltri "L’odore dei soldi". Prima consigliere comunali di Alleanza Nazionale, poi consiglieri di Forza Italia lo hanno affrontato a tu per tu con queste parole: "ti impediremo di presentare quel libro in campagna elettorale". Non credo di esagerare affatto se dico che questo episodio di inquadra in una campagna ormai lunga alcuni mesi di attacco alla libertà di opinione e di informazione che ha riguardato tanto i libri quanto i giornali quanto la Tv.

Di fronte a questi avvertimenti chiedo al Ministro degli Interni e alle autorità locali (di polizia e giudiziaria) di volere controllare con tutto il necessario rigore che le condizioni di libertà e di espressione vengano garantite nel modo più pieno da qui al 13 maggio, affinché la competizione elettorale (che è poi anche competizione di idee e di opinioni e di rappresentazioni della realtà) avvenga nel clima più proprio della democrazia. (Nando Dalla Chiesa)


Vai a: